Condividi
Aggiorna abbonamento
Grazie per la sottoscrizione!
Iscriviti a Fatto in Russia oggi e ricevi le notizie più interessanti sul business, l'esportazione e la cultura russa oggi!
Social media e abbonamento RSS

2019-10-24 02:32

Le possibilità di trasformazione digitale delle città russe sono state discusse all'Open Innovations Forum

I dati diventano parte integrante di qualsiasi processo nel mondo di oggi. Le città non fanno eccezione. Città basate sui dati - il concetto di città basate sui dati è diventato uno dei concetti chiave nella pianificazione urbana, nell'urbanizzazione e nella trasformazione digitale di stati e paesi. Di cosa c'è bisogno per creare città basate sui dati, hanno parlato gli esperti alla sessione "Data Driven City". Una città che sa" durante l'Open Innovations Forum. La sessione è stata moderata da Andrey Sharonov, Presidente della Skolkovo Moscow School of Management.

Aleksey Parabuchev, direttore generale dell'Agenzia per l'innovazione di Mosca, ha raccontato come funziona la capitale con i dati. "La città di Mosca produce un'enorme quantità di dati. Anche qui c'è una quantità considerevole di aziende che producono i dati: operatori di telefonia mobile, istituti finanziari e altre aziende". Da queste ultime: la città ha introdotto un sistema di traffico intelligente, un progetto per costruire il suo futuro "Profliner" per gli scolari, un progetto di raccolta dei rifiuti basato sulle informazioni sull'occupazione dei serbatoi.

Il CEO di VEB Ventures, Oleg Teplov, ha osservato che "l'introduzione di almeno una piccola parte di innovazioni in un gran numero di città contemporaneamente dà un effetto immediato". Tuttavia, i comuni spesso non hanno i fondi per attuarle". Gli uomini d'affari e i progetti PPP vengono in soccorso.

Karen Malkhasyan, vicedirettore del Dipartimento di cooperazione regionale di Rosatom, ha parlato di come le piccole città possono permettersi di implementare le innovazioni. "Il settore delle tecnologie digitali e delle soluzioni intelligenti nelle città crescerà. L'unica differenza è la velocità di implementazione nelle diverse città". Le tecnologie arriveranno nelle città". Le città dovrebbero essere in grado di accettarle. La cosa principale è come garantire l'ingresso delle tecnologie, chi pagherà per la loro implementazione. Non ci sono fondi nei bilanci per questo. Alcune tecnologie diventano più economiche nel tempo e arrivano nelle città stesse. Altre no. I Big Data della città possono diventare un esempio vivido, diventando lo strumento di sviluppo più accessibile.

Boris Glazkov, vicepresidente delle iniziative strategiche di Rostelecom, ha fatto notare che la cosa più difficile è "lanciare il mercato dei dati". Ci sono i dati, ma non c'è esperienza del loro utilizzo. "È importante creare un ambiente innovativo da cui nascano le idee. Boris ha osservato che uno strumento dovrebbe essere utilizzato più volte in modi diversi. Questo è un eccellente punto di crescita.

Gli oratori hanno convenuto che nella maggior parte delle città lo stato attuale delle infrastrutture non è pronto ad accettare la tecnologia - non ci sono reti 5G, centri dati e specialisti del lavoro. Tuttavia, la sinergia tra imprese, città e persone sta cambiando la situazione in meglio.

Condividi
I commenti sono vietati dopo 5 giorni dalle pubblicazioni a causa della politica editoriale