Condividi
Aggiorna abbonamento
Grazie per la sottoscrizione!
Iscriviti a Fatto in Russia oggi e ricevi le notizie più interessanti sul business, l'esportazione e la cultura russa oggi!
Social media e abbonamento RSS

2019-11-07 03:06

Le batterie all'idrogeno possono diventare indispensabili per i robot e i droni

Durante l'Open Innovations Forum tenutosi a fine ottobre a Skolkovo, è stata presentata al pubblico la prima auto a idrogeno russa basata su Lada. E' stato creato dalla società "Tecnologie del trasporto elettrico" con la partecipazione del Centro di competenza di STI sulle tecnologie delle fonti di energia nuove e mobili e della società "Energia". È stata quest'ultima società, che fa parte di Inenergy Group, a fornire le celle a combustibile a idrogeno per l'auto - teoricamente, questa fonte di energia innovativa può trasformare l'intera industria energetica russa e il trasporto a motore.

Alexei Kashin, il fondatore di Inenergy Group, dice di essere stato un "geek del computer" fin da piccolo e di sapere che si sarebbe occupato di computer quando era ancora a scuola. E infatti: è stato in grado di fare una carriera veloce, si potrebbe dire, vertiginosa nel campo delle tecnologie dell'informazione. Non aveva nemmeno 30 anni quando ha rilevato il reparto informatico del Fondo pensioni russo e si è seduto allo stesso tavolo con funzionari molto più anziani di lui. In seguito, dopo aver lasciato il servizio civile, è stato coinvolto nel settore informatico.

Tuttavia, un certo sconvolgimento nella strategia di vita dell'imprenditore ha avuto luogo quando si è recato in Germania per uno stage durante i suoi studi di MBA. Lì, mentre comunicava con i rappresentanti di vari settori, è giunto alla conclusione che l'industria energetica oggi ha bisogno di idee innovative più di chiunque altro. Le opportunità di sviluppo di quasi tutte le tecnologie energetiche tradizionali sono state esaurite.

Alexei Kashin afferma di aver avuto l'opportunità di visitare le principali aziende europee impegnate nelle tecnologie energetiche, e di aver capito che l'idea più avanzata in questo mercato è l'energia da idrogeno, ovvero i generatori elettrochimici a idrogeno.

Tornato in Russia, Kashin ha cercato di avviare qui la sua attività, che è legata alla produzione di celle a combustibile a idrogeno. Tuttavia, non c'era esperienza - e, come ammette l'imprenditore, in una serie di progetti falliti, è stato in grado di spendere quasi tutti i suoi risparmi, che sono stati lasciati da attività precedenti. Ma ha potuto conoscere il Professor Yuri Dobrovolsky dell'Istituto di Fisica Chimica Problemi dell'Accademia Russa delle Scienze (ora il Professor Dobrovolsky è il capo del Centro di Competenza STI sulle Tecnologie delle Fonti di Energia Nuove e Mobili istituito presso l'Istituto).

Comprendendo appieno le prospettive di nuove direzioni di sviluppo, lo scienziato ha offerto all'uomo d'affari la cooperazione. La nuova società di Alexey Kashin è apparsa sulla base dell'Istituto di Problemi di Fisica Chimica di Chernogolovka vicino a Mosca, i suoi primi dipendenti erano ricercatori di questo istituto.

Per 5 anni l'attività ha raggiunto una scala impressionante: il fatturato annuo della società è di circa 1 miliardo di rubli. Dopo le celle a combustibile, i prodotti includevano sistemi di alimentazione per vari scopi, prodotti specializzati per il caso e per l'assemblaggio. L'azienda ha siti produttivi a Orenburg, un laboratorio a Ekaterinburg e uffici a Kazan, San Pietroburgo, Cina e Germania. Il Gruppo Inenergy impiega circa 300 persone, 65 delle quali sono impegnate nella ricerca scientifica.

Il paradosso del business creato da Alexei Kashin è che egli "sfrutta" l'interesse generale per l'energia a idrogeno - allo stesso tempo l'interesse disponibile nella società a volte supera l'uso reale delle fonti di energia a idrogeno. Il principale acquirente dei prodotti del Gruppo Inenergy sono le istituzioni scolastiche: università, scuole e istituti superiori, per i quali l'azienda realizza impianti didattici dove gli studenti possono studiare l'energia da idrogeno. L'uso pratico dei generatori di energia elettrochimica a idrogeno è più limitato, ma, in particolare, ora la società Kashina sta lavorando con gli operatori delle telecomunicazioni - in un progetto per fornire fonti di energia autonome per le torri cellulari, così come con i generatori di gas - l'idea di questo progetto è che fonti di energia simili alimentano la telemeccanica che serve i gasdotti. In generale, Alexei Kashin ritiene che le batterie a idrogeno saranno utili (generatori elettrochimici) in tutti i dispositivi tecnici che necessitano di fonti di energia autonome - ad eccezione di quelli molto piccoli, come i telefoni cellulari e altri gadget portatili.

Sulle dimensioni le batterie a idrogeno perdono ioni di litio, tuttavia Alexey Kashin è sicuro, che a tempo debito diventeranno insostituibili per qualsiasi robot, e anche per i droni che guidano e volano - una riserva di energia nell'auto elettrica con il generatore a idrogeno è più, che in auto simili con altri tipi di fonti di energia.

Condividi
I commenti sono vietati dopo 5 giorni dalle pubblicazioni a causa della politica editoriale