2020-06-13 10:13

"Bashneft" ha fatto un passo avanti nell'intraprendere un'attività catalitica

L'operazione di acquisto del 51% del capitale autorizzato di Sterlitamak RN-Kat LLC è stata approvata dal Consiglio di Amministrazione di "Bashneft" (parte di "Rosneft") nella riunione del 10 giugno. Il capitale autorizzato della società è di 100 milioni di rubli. Questo è stato annunciato da "Kommersant. Ufa".

L'azienda è stata fondata, secondo kartoteka.ru, nell'agosto del 2018, specializzata nella produzione di importanti prodotti chimici inorganici. Il principale proprietario di "RH-kat" con una quota di oltre il 50% è il suo direttore generale Ilshat Usmanov, il 13,26% per Aidar Tagirov, il 6 e 4% per Alexander Bodroy e Elvira Rahmatullin.

I motivi dell'adesione all'azienda, così come altri dettagli dell'accordo, non sono specificati nei materiali di Bashneft, le note di pubblicazione.

Nel frattempo, sulla base di una serie di fatti indiretti, l'agenzia di stampa Devon suggerisce che in questo modo Rosneft, rappresentata da Bashneft, intende avviare l'ingresso nel business della produzione di catalizzatori sostitutivi dell'importazione.

A giudicare dall'indirizzo comune di registrazione di RN-Kat (Sterlitamak, Technical 32), lo studio è affiliato a "Sterlitamak Catalyst Plant" . Questo impianto fa parte di Bashkir "KNT Group" insieme all'impianto chimico specializzato di Catalysts di Ishimbai (ISKZK). Il direttore dell'impianto chimico specializzato di catalizzatori di Ishimbaiskiy è Alexander Bodryi.

Anche lui è elencato allo stesso indirizzo:

- OOO "KNT-KAT", il cui fondatore e direttore è Ilshat Usmanov, già citato.

- JSC "Bashkir Soda Company" (BSC), fondata nel maggio 2013 dalla fusione di JSC "Soda" e JSC "Kaustic".

- JSC "Bashkir Chemicals", il principale azionista di BSC (57% delle azioni).

Nell'aprile 2018 IA Devon ha riferito che l'impianto di Ishimbaysky fornirà 2,6 mila tonnellate di prodotti chimici per Bashneft-Ufaneftekhim e Bashneft-UNPZ per il cracking catalitico. Il contratto per 442 milioni di rubli è diventato il più costoso in tre anni di cooperazione tra le parti. I prodotti devono essere consegnati alla raffineria entro il 1° marzo 2020.

In Russia si presta scarsa attenzione allo sviluppo di catalizzatori domestici per i processi di idrotrattamento, cracking e idrocracking nell'industria petrolifera. Lo ha affermato il presidente del Bashkortostan Rustem Khamitov. "Allo stesso tempo, Bashkortostan ha avviato la produzione di moderni catalizzatori per la raffinazione del petrolio e l'industria petrolchimica - presso lo Sterlitamak Catalyst Plant, lo Specialized Chemical Catalyst Plant di Ishimbai e il Salavat Catalyst Plant", - ha detto Rustem Khamitov durante la sua relazione al forum "Big Chemistry".

"Credo che la questione della creazione di un catalizzatore statale nel paese sia matura", ha detto il capo della repubblica.