Condividi
Aggiorna abbonamento
Grazie per la sottoscrizione!
Iscriviti a Fatto in Russia oggi e ricevi le notizie più interessanti sul business, l'esportazione e la cultura russa oggi!
Social media e abbonamento RSS

2020-03-27 09:37

COVID-19 richiede un cambiamento globale nell'industria del turismo

L'industria del turismo, e in particolare l'industria del turismo d'affari, è stata a lungo sull'orlo di un cambiamento globale e la situazione causata da COVID-19 ha dimostrato che molti operatori del mercato non sono consapevoli della necessità di fare affari secondo nuove regole. Secondo gli esperti, nella situazione attuale vale la pena di esaminare il problema in modo più ampio e di trovare nuovi modi per soddisfare le esigenze del target di riferimento per superare la crisi con dignità.

Così, Alexander Chulok, Candidato di Scienze, Direttore del Centro di Previsione Scientifica e Tecnologica dell'Istituto di Ricerca Statistica e di Economia della Conoscenza della Scuola Superiore di Economia dell'Università Nazionale di Ricerca, ha esortato a prestare attenzione al fatto che l'industria del turismo era sull'orlo di cambiamenti globali anche prima degli eventi di quest'anno.

"Ora tutti parlano del fatto che le frontiere sono state chiuse, i flussi sono aumentati, tutti hanno paura di viaggiare. Chi potrebbe obiettare? Ma questa è una sorta di discussione su cosa fare con le vele e l'albero della nave che naviga sull'iceberg, e nessuno vede l'iceberg stesso. Perché anche prima degli eventi attuali (qualcuno li chiama "burloni", eventi con scarse probabilità, ma con effetti su larga scala), l'industria del turismo era sotto l'influenza di tendenze globali molto forti, che dovrebbero e continueranno a portare alla sua trasformazione su larga scala e che sono state sottovalutate da molti attori russi" - ha detto Alexander.

Tra queste tendenze, ha definito la tecnologia virtuale e la realtà aumentata, che prima era considerata "tangenziale, ma ora tutti hanno visto il loro effetto su larga scala", così come l'economia delle impressioni, l'economia dello shering, la mobilità e l'apertura alle nuove sensazioni delle giovani generazioni di consumatori. Secondo Alexander, nella situazione attuale, è importante per gli operatori del settore dei viaggi capire quali sono le esigenze del loro target di riferimento, perché sono competitivi sul mercato, come le loro conoscenze e i loro canali di comunicazione contribuiranno a creare un nuovo prodotto.

"Per molti si sono aperte delle finestre di opportunità, ma né le stesse aziende del settore turistico, né le organizzazioni che forniscono servizi rilevanti ne sono ancora consapevoli. Sì, gli strumenti per soddisfare le esigenze sono cambiati, ma le esigenze delle persone sono le esigenze di comunicazione, di movimento, di nuove conoscenze, di emozioni vibranti, ecc. Chi se non le aziende di viaggio che conoscono le preferenze personali dei loro clienti può offrire un nuovo prodotto qui e ora? Pertanto, è importante per le aziende capire come soddisfare queste esigenze combinando conoscenza e dati - grandi dati (accumulati o appena acquisiti) - e le moderne tecnologie dell'era digitale", ha concluso Alexander.

A sua volta, il presidente dell'Associazione russa del turismo d'affari e CEO del Gruppo Zelenski della società Vadim Zelensky ritiene che l'industria del turismo d'affari tornerà ai suoi volumi precedenti non prima dell'inizio del 2021. A suo parere, ciò è dovuto, in particolare, al fatto che "la fobia del virus che stiamo vedendo ora, deruberà a lungo le persone della loro abitudine e della loro disponibilità a viaggiare, perché a livello subconscio sarà associata al rischio".

"È tutto simile alle condizioni di una guerra mondiale, ma solo quando tutti sono "in guerra" contro tutti. Ed è chiaro che l'intera economia del mondo si trova ora in una fase di stallo, che si ripercuoterà sull'industria dei viaggi d'affari. Sì, la necessità di viaggiare per lavoro non andrà da nessuna parte, ma è abbastanza possibile che i primi tre o quattro mesi dopo la rimozione delle restrizioni alla circolazione dell'azienda correleranno le esigenze con le opportunità e i rischi", ha detto Vadim.

Tuttavia, l'esperto ritiene che le condizioni di quarantena, la necessità di lavorare a distanza e di tenere riunioni su canali digitali daranno impulso allo sviluppo della tecnologia online. "I metodi di comunicazione online cambieranno senza dubbio il nostro approccio al lavoro e alla vita in generale e nel prossimo futuro diventeranno un'abitudine", ha spiegato.

Da parte sua, Roman Blinov, direttore dello sviluppo della società di sviluppo di Corteos, ritiene che il futuro del turismo d'affari non riguardi solo le tecnologie digitali, ma anche il concetto di condivisione dei costi. A suo parere, è l'economia di shering, tra le altre cose, che permetterà una discreta ripresa dalla crisi.

"La condivisione della proprietà di un sistema di gestione dei viaggi d'affari è la via più breve verso un ecosistema veramente sostenibile e praticabile, dove ogni partecipante ha accesso a tutti i valori e gli artefatti, ma allo stesso tempo ha costi incommensurabilmente più bassi per mantenere tale soluzione". Questo non è solo un costo di proprietà più basso, ma anche affidabilità e resilienza alle minacce globali, in quanto un sistema con un intero interesse di mercato per la continuità ha maggiori probabilità di resistere alle minacce esterne", ha spiegato Roman.

Ha invitato tutti i proprietari di aziende e il top management a rivalutare il loro approccio alla strategia e alle tattiche per fare business e, unendo le forze, a creare metodi comuni efficaci per contrastare le minacce globali che l'industria del turismo potrebbe affrontare sempre più spesso in futuro.

Condividi
I commenti sono vietati dopo 5 giorni dalle pubblicazioni a causa della politica editoriale