Condividi
Aggiorna abbonamento
Grazie per la sottoscrizione!
Iscriviti a Fatto in Russia oggi e ricevi le notizie più interessanti sul business, l'esportazione e la cultura russa oggi!
Social media e abbonamento RSS

2020-05-15 05:42

La Russia ha tagliato del 20% le esportazioni di petrolio attraverso l'oleodotto di Druzhba

Secondo l'Agenzia Internazionale per l'Energia, nel maggio di quest'anno il volume delle esportazioni di petrolio russo attraverso l'oleodotto Druzhba verso l'Europa sarà ridotto del 20%.

Secondo i programmi preliminari, il volume delle esportazioni marittime dovrebbe diminuire di 800 mila barili al giorno, così come una diminuzione delle forniture attraverso l'oleodotto Druzhba a 675 mila barili al giorno, che è del 20% in meno rispetto al mese precedente.

Inoltre, il calo delle spedizioni attraverso l'oleodotto nel mese di aprile è stimato al 15%. La ragione di ciò è stata la diminuzione della domanda causata dalla crisi sullo sfondo dell'attuale situazione epidemiologica.

Il rapporto rileva che la produzione di petrolio e condensati da parte delle imprese russe è stata ridotta a 9,45 milioni di barili al giorno, il che avvicina l'industria all'obiettivo OPEC di 8,5 milioni di barili al giorno, esclusa la produzione di condensati.

Ricordiamo che il 12 aprile di quest'anno 23 paesi OPEC+ hanno raggiunto un accordo per ridurre la produzione di petrolio. Esso sarà operativo dal 1° maggio 2020 al 1° maggio 2022.

L'accordo OPEC+ è un passo naturale e necessario da parte degli Stati produttori di petrolio per stabilizzare il mercato causato dalla pressione degli Stati Uniti. Tuttavia, l'accordo non è in grado di superare il calo della domanda globale, in quanto le riserve accumulate fino ad oggi sono enormi.

Secondo Alexander Novak, capo del Ministero dell'Energia russo, se necessario, i partecipanti all'affare possono prendere ulteriori misure per stabilizzare il mercato.

Prodotto in Russia // Made in Russia

Autore: Daria Vankova

Condividi
I commenti sono vietati dopo 5 giorni dalle pubblicazioni a causa della politica editoriale