Condividi
Aggiorna abbonamento
Grazie per la sottoscrizione!
Iscriviti a Fatto in Russia oggi e ricevi le notizie più interessanti sul business, l'esportazione e la cultura russa oggi!
Social media e abbonamento RSS

2020-05-20 10:09

KAMAZ ha prodotto i primi camion GNL con due criobuck

KAMAZ Automobile Plant continua a sviluppare e produrre veicoli che operano con carburanti alternativi. Tra febbraio e marzo sono state prodotte 6 unità del nuovo modello KAMAZ modello 5490 che operano a GNL e che hanno due camere criogeniche a bordo. Un tale progetto permette ai veicoli di competere con successo con le controparti diesel che forniscono una potenza di 400 CV e un'autonomia di 1400 km.

La comparsa del nuovo modello ha suscitato scalpore tra i potenziali acquirenti che desiderano aumentare la competitività nel loro trasporto. L'uso di carburante alternativo per il trasporto a lungo raggio ridurrà significativamente il costo di manutenzione del parco veicoli e del suo funzionamento. Il primo lotto di autocarri è già utilizzato in modalità di prova da alcune aziende.

Evgeny Pronin, direttore degli NGV di KAMAZ, ha affermato che l'uso del gas naturale è particolarmente efficiente sui camion a lungo raggio, il che consente di ridurre il consumo di carburante di 3-4 volte rispetto alle unità diesel. Allo stesso tempo, la direzione dell'impianto è consapevole che la rete di rifornimento del gas in Russia è solo in fase di sviluppo e offre una soluzione sotto forma di camion ibridi gas-diesel KAMAZ 5490 che funzionano a gas naturale compresso. Si afferma inoltre che non solo i camion NGV sono popolari, ma anche estremamente ecologici.

Prodotto in Russia // Made in Russia

Autore: Anton Petrov

Se siete un investitore o un acquirente straniero di beni e servizi russi, nonché avete bisogno di supporto quando entrate nel mercato russo, potete richiedere il supporto del marchio nazionale Made in Russia. Potete inviare la vostra domanda per posta a pr@madeinrussia.ru o per telefono al numero +7 495 640 44 40.

Condividi
I commenti sono vietati dopo 5 giorni dalle pubblicazioni a causa della politica editoriale