Condividi
Aggiorna abbonamento
Grazie per la sottoscrizione!
Iscriviti a Fatto in Russia oggi e ricevi le notizie più interessanti sul business, l'esportazione e la cultura russa oggi!
Social media e abbonamento RSS
L'Istituto Rosatom ha avviato la produzione di compositi a prova di incendio

2020-07-22 10:15

L'Istituto Rosatom ha avviato la produzione di compositi a prova di incendio

Il Leading Research Institute of Chemical Technology ha aperto la produzione di materiali compositi senza alogeni nell'ambito di un progetto di investimento per la produzione di compositi senza alogeni a prova di incendio per l'isolamento elettrico.

Tali materiali sono utilizzati nella produzione di vari tipi di cavi, membrane e pannelli sandwich.

Entro la fine del 2020 l'azienda prevede di produrre circa 400 tonnellate di prodotti, ha detto il vicedirettore generale della VNIIKhT sull'attività commerciale Maxim Zeka. Dal 2022 questa cifra aumenterà a 1200 tonnellate di prodotti all'anno.

Secondo lui, la peculiarità dell'istituto è che dispone di una propria tecnologia per la produzione di tali compositi a prova di fuoco, che si basano su polietilene e ritardanti di fiamma complessi privi di alogeni. Zeka ha sottolineato che i prodotti dell'Istituto di Ricerca sono competitivi non solo in Russia, ma anche nei mercati esteri, in quanto sono superiori ad altri analoghi in termini di resistenza e relativo allungamento a rottura, così come in parametri quali la resistenza elettrica specifica alla rinfusa e la temperatura ammissibile a lungo termine sul nucleo. L'azienda prevede ora di fornire i suoi prodotti in Europa.

Ricordiamo che il Leading Research Institute of Chemical Technology è un istituto scientifico, gestito dalla società statale Rosatom.

Va notato che nell'ultimo decennio e mezzo o due decenni l'uso della plastica PVC per l'isolamento dei cavi è stato limitato, in quanto non è sicuro per l'ambiente per lo smaltimento. È qui che i compositi non infiammabili senza alogeni sono serviti come alternativa al loro predecessore.

In 1,5 anni e mezzo, dal gennaio 2017 all'agosto 2018, il nostro Paese ha acquistato tali composti all'estero per un valore totale di circa 24 milioni di dollari.

Made in Russia // Made in Russia

Autore: Ksenia Gustova

Condividi
I commenti sono vietati dopo 5 giorni dalle pubblicazioni a causa della politica editoriale