FAS ha commentato la situazione relativa al trasferimento di materiale genetico dalla Bayer alle aziende russe
2020-07-28 06:58

FAS ha commentato la situazione relativa al trasferimento di materiale genetico dalla Bayer alle aziende russe

Il Servizio Federale Antimonopoli della Federazione Russa (FAS) ha commentato la situazione relativa al trasferimento di materiale genetico dalla società straniera Bayer alle società russe.

In precedenza il progetto "Made in Russia" ha riferito che la Bayer non è stata ancora in grado di trasferire il germoplasma delle piante agricole agli agrari russi in termini di trasferimento tecnologico, in quanto attualmente non esiste un quadro normativo adeguato.

Al progetto è stato detto dal servizio stampa della FAS che prima non esistevano precedenti di questo tipo nella pratica russa e quindi non c'era la necessità di sviluppare tali norme e regolamenti.

"Non appena le norme pertinenti saranno sviluppate e diventeranno effettive, il processo sarà avviato", ha spiegato il servizio stampa.

Come ha scoperto il progetto Made in Russia, ad esempio, la società russa di allevamento e sementiera SOKO si è rifiutata di firmare un accordo di licenza con Bayer perché conteneva una clausola secondo cui la società nazionale avrebbe dovuto pagare a Bayer il 3% delle vendite per 15 anni.

Albert Shchegolkov, un ricercatore del dipartimento di allevamento della SOKO, ha definito promettente l'idea stessa di trasferire la tecnologia alle aziende russe.

"L'idea stessa del trasferimento era buona, ma come risultato ci sono state offerte due aree di interazione. Si tratta di una settimana di formazione in Francia e del trasferimento del germoplasma di alcune colture". A causa della pandemia, il seminario in Francia è stato annullato, e al momento del trasferimento del germoplasma è stato necessario concludere un accordo di licenza", ha detto a Made in Russia.

Il rappresentante della società ha aggiunto che il documento conteneva una clausola sul pagamento di royalty pari al 3% del totale delle vendite nette delle varietà rilasciate nell'arco di 15 anni, indipendentemente dalla percentuale di germoplasma in licenza nelle varietà rilasciate. La SOCO ha quindi rifiutato di partecipare allo scambio.

Secondo la Shchegolkov, un totale di 5 aziende russe su 7 non hanno accettato di partecipare allo scambio a causa di tali condizioni.

"Il trasferimento dei semi delle principali colture per arricchire il fondo genetico nazionale non è una cattiva idea, ma abbiamo già scambiato i semi con altre aziende, anche straniere. Tuttavia, non dobbiamo pagare i diritti d'autore per questo. Abbiamo il diritto di utilizzare qualsiasi varietà per scopi scientifici e non dobbiamo pagare nulla, a meno che non sia previsto altrimenti", ha detto, spiegando che con "altrimenti" intendiamo stipulare un contratto di licenza.

Shchegolkov ha detto che il trasferimento di tecnologia della Bayer comporta l'ottenimento di dieci linee di soia americana che non sono mai state coltivate in condizioni russe. Tuttavia, oltre 23 mila linee di soia della Bayer sono piantate ogni anno in diverse località della Russia. Le migliori di esse diventano poi varietà.

Il rappresentante di un'impresa nazionale ha sottolineato un altro elemento della tecnologia trasferita - i marcatori molecolari. Ha spiegato che inizialmente era stato pianificato il trasferimento di database con condizioni climatiche simili a quelle russe, in modo che l'azienda potesse successivamente lavorare con loro in modo indipendente.

"Tuttavia, la Bayer ha rifiutato categoricamente. Poi si è deciso di trasferire i marcatori per tratti specifici, come le malattie. Tuttavia, le malattie negli Stati Uniti e le malattie in Russia sulla soia sono significativamente diverse, quindi non potremo usare i loro marcatori, perché semplicemente non sono applicabili alle nostre condizioni", ha aggiunto Shchegolkov.

L'ufficio stampa del Servizio federale antitrust ha detto al progetto Made in Russia che finora sono stati firmati accordi di licenza con due aziende russe. Le altre società selezionate come destinatarie del germoplasma, secondo il FAS, sono in trattative con la Bayer.

"Il pagamento di royalties per il trasferimento dei diritti di proprietà intellettuale è una pratica riconosciuta a livello globale e non viola in alcun modo gli interessi delle aziende russe. Inoltre, l'istruzione del FAS della Russia, rilasciata a seguito della considerazione della transazione, prevede il 25% per 10 anni di pagamenti di royalty, "- ha spiegato in ufficio.

Il servizio antimonopolio ha anche osservato che le royalty saranno pagati solo dopo l'inizio della commercializzazione di una varietà o ibrido, che sarà sviluppato utilizzando germoplasma trasferito.

"Ottenere tali condizioni preferenziali nella fornitura di germoplasma è stato possibile solo grazie all'ordine del FAS della Russia", ha concluso il servizio stampa.

Made in Russia // Made in Russia

Autore: Ksenia Gustova