Gli scienziati russi hanno trovato un modo per ridurre di un terzo le emissioni di produzione
2021-01-06 07:13

Gli scienziati russi hanno trovato un modo per ridurre di un terzo le emissioni di produzione

Gli scienziati in Russia hanno escogitato un modo per migliorare l'efficienza energetica delle imprese del paese, in modo che i produttori non debbano pagare la carbon tax all'Unione Europea.

In precedenza è stato riferito che l'UE intende introdurre una "carbon tax" per la Russia, che potrebbe provocare perdite economiche. L'aliquota di tale tassa transfrontaliera dipenderà dal livello di emissioni di anidride carbonica delle imprese nazionali. In altre parole, la Federazione Russa dovrà pagare una tassa più alta sulle importazioni nell'UE di prodotti nella cui creazione sono state prodotte le emissioni.

Gli scienziati hanno sviluppato un metodo scientifico Anselm, che eviterà l'alta aliquota e aumenterà l'efficienza energetica delle imprese, i media riportano.

Così, uno degli autori del metodo, Maxim Kanischev, ha detto che, anche se non è possibile ridurre a zero le emissioni di produzione, le emissioni possono essere ridotte di un terzo. Egli ha osservato che l'efficienza del 30% non include le multe sulle emissioni. Se sono incluse, allora l'effetto positivo sull'economia di qualsiasi impresa ad alta intensità energetica sarà maggiore. In tal caso, secondo lo scienziato, si può ottenere un aumento dell'efficienza energetica del 50%, raggiungendo così un livello globale.

Gli esperti prevedono di utilizzare il sistema Anselm per valutare il potenziale di crescita dell'efficienza energetica nell'industria chimica e petrolifera. Tuttavia, affinché l'implementazione raggiunga il livello del 75% in quattro anni, lo sviluppo dei processi dovrebbe iniziare al più presto.

A questo scopo si propone di istituire un gruppo di lavoro speciale insieme agli scienziati per monitorare l'efficienza dei processi. Si propone di collaborare con gli scienziati europei per creare un sistema di valutazione della capacità di assorbimento delle foreste e dei carbonati che si stanno creando. In questo modo si eviteranno i rischi di non riconoscere i metodi nazionali per la stima della capacità di sequestro dell'anidride carbonica delle fattorie carboniche e per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica.

Allo stesso tempo, gli scienziati in Russia ritengono che i problemi ambientali possano essere risolti solo attraverso i proprietari degli impianti di produzione e i profitti. Essi hanno sottolineato l'importanza che i proprietari vedano benefici diretti nei miglioramenti dell'efficienza energetica e nella riduzione delle emissioni.

Nel 2019, la Russia ha fornito all'Europa prodotti per un valore di 180 miliardi di dollari, di cui il 75% proveniente dal petrolio e dai suoi derivati. Se questi volumi saranno mantenuti, gli esportatori dovranno pagare una tassa di circa 22 miliardi di dollari, portando ad un aumento del 12% dei prezzi in Russia, dicono gli esperti.

Made in Russia // Made in Russia

Autore: Ksenia Gustova