2021-05-26 10:20

"La natura detta il ritmo": Agrosila parla della campagna di semina primaverile

La campagna di semina sta volgendo al termine in tutto il paese - oggi più dell'82% delle superfici coltivate in primavera, ovvero 24,1 milioni di ettari, sono già state seminate nelle regioni russe, secondo le autorità agricole regionali.

Anche le grandi holding russe hanno riassunto i loro risultati intermedi.

Agrosila, una delle principali holding agricole del Tatarstan, ha detto ai giornalisti quanto raccolto è stato seminato, quanto è costata la campagna di semina, quali prezzi sono aumentati e quali difficoltà hanno incontrato gli agrari.

FACCE OCCUPATE

Nel complesso l'azienda possiede più di 253 mila ettari di terreno coltivabile, ha detto Bulat Shakirov, vice direttore generale della coltivazione di Agrosila. Fino ad oggi, 169 mila ettari sono stati seminati nella campagna di primavera.

Secondo lui, ora l'azienda è pronta a raccogliere 46,7 mila ettari di grano invernale e 1,63 ettari di segale invernale.

Inoltre, circa 25 mila ettari di grano primaverile, 41 mila ettari di orzo, 28,5 mila ettari di barbabietola da zucchero, 14 mila ettari di girasole, circa 17 mila ettari di colza, più di 3 mila ettari di mais, 337 ettari di grano saraceno sono stati piantati in questa stagione.

Inoltre, "Agrosila" ha piantato 500 ettari di grano duro.

"Ad oggi, Barilla ha costruito un mulino di grano duro per la pasta in Russia. Il nostro target è proprio questa azienda. Quest'anno abbiamo 500 ettari di questa coltura", ha detto Shakirov.

IL FINANZIAMENTO E L'AUMENTO DEL COSTO DELLE SEMENTI

Abbiamo 18 complessi di produzione e una propria flotta di trattori".

Un rappresentante di Agrosila ha detto che l'enfasi è sulla tecnologia digitale e, in generale, secondo lui, il "digitale" non è sviluppato così attivamente come in agricoltura.

"L'azienda ha speso 3,7 miliardi di rubli per preparare il lavoro nei campi in primavera, che è 260 milioni di rubli in più rispetto all'anno scorso. Questo denaro è stato utilizzato per acquistare prodotti fitosanitari, fertilizzanti, eseguire riparazioni e acquistare attrezzature", ha detto, aggiungendo che i costi sono aumentati anche a causa dell'aumento dei prezzi dei fertilizzanti e dei semi.

IL TEMPO SEGNA IL PASSO

I problemi sono arrivati a novembre, quando un gelo di 26 gradi ha colpito il paese ma la neve non è caduta. Questo ha portato alla morte delle colture invernali in diverse zone in un'area di 3,7 mila ettari. Il grano primaverile è stato invece seminato, ha detto Shakirov.

A maggio, invece, gli agricoltori hanno dovuto affrontare un'ondata di caldo di 35 gradi che è durata una decina di giorni.

"Di regola, in questo periodo abbiamo proceduto solo alla fase attiva di protezione, e quest'anno siamo in anticipo sul tempo, perché circa 10 giorni c'è stata un'ondata di calore a 35 gradi. La fase di sviluppo delle piante sta saltando troppo velocemente a causa di ciò. La natura sta stabilendo il ritmo", ha aggiunto il rappresentante della società.

Il forte calore è accompagnato dalla mancanza di precipitazioni. Per esempio, Shakirov ha definito dura la situazione nei distretti di Zainsk e Aznakaevo, dove sono caduti solo 6 millimetri di precipitazioni invece dei soliti 60.

INVASIONE DI BRUCHI

Nel prossimo futuro gli agrari di "Agrosila" dovranno probabilmente affrontare un'altra piaga - un'infestazione di bruchi. Già ora nel distretto di Tukayevsky si osservano anni di tarme dei prati.

"Non abbiamo il diritto di combattere le tarme di giorno, quindi abbiamo pianificato di trattare quando i bruchi appaiono nei campi, circa 5-6 giorni dopo. Fondamentalmente, proteggeremo i primi a soffrire. Sono le barbabietole da zucchero e i legumi", ha spiegato Shakirov.

ESTINZIONE DELLE API

Il pericolo mondiale delle api è in discussione da diversi anni. Non solo gli ecologisti sollevano la questione, ma anche Hollywood ne parla.

Alla domanda quali misure prende la holding per prevenire l'avvelenamento delle api, Shakirov ha detto che comprano solo erbicidi a basso rischio.

"La compagnia non ha mai acquistato e non acquisterà mai il tipo di erbicidi che fanno di più per uccidere le api. Si tratta sempre di classe 3. Non ci permettiamo mai di acquistare farmaci di classe 1 o 2", ha detto.

Inoltre, il rappresentante di Agrosila ha detto che l'azienda informa la popolazione sui trattamenti con tutti i mezzi possibili, compresi i media locali e i gruppi di messaggeri.

Made in Russia // Made in Russia

Autore: Ksenia Gustova