I caffè a Mosca affronteranno tempi duri con l'introduzione di restrizioni, ha detto la Federazione dei Ristoratori
2021-06-22 06:20

I caffè a Mosca affronteranno tempi duri con l'introduzione di restrizioni, ha detto la Federazione dei Ristoratori

Gli esercizi pubblici di ristorazione dovranno affrontare tempi duri dopo l'introduzione di nuove misure restrittive, proprio come l'anno scorso. Igor Bukharov, capo della Federazione dei ristoratori e albergatori, ha espresso questa opinione in una conversazione con Made in Russia.

Martedì, il sindaco di Mosca Sergey Sobyanin ha firmato un ordine per vietare di visitare caffè, ristoranti e altre strutture di ristorazione senza vaccinazione, PCR-test e coloro che erano malati di coronavirus più di 6 mesi fa.

Bukharov, in risposta a una domanda su come le imprese sarebbero sopravvissute a questi tempi, ha detto che gli stabilimenti avrebbero avuto un "momento difficile, proprio come l'anno scorso".

Tuttavia, è stato positivo nel lasciare i caffè aperti per coloro che erano stati vaccinati o avevano contratto la malattia negli ultimi 6 mesi e per i visitatori con un test PCR negativo che è stato fatto almeno tre giorni prima della visita.

"Crediamo che la città oggi stia permettendo e incoraggiando le persone a vaccinarsi in modo che almeno questi ospiti possano andare nei ristoranti. Se le persone hanno almeno qualche opportunità di visitare le istituzioni, sono pronti a mostrare un codice QR e i loro documenti, allora perché no", ha detto.

Allo stesso tempo Bukharov non ha escluso che una parte del personale delle istituzioni possa diventare disoccupato sullo sfondo della riduzione del numero di visitatori.