FATTO IN RUSSIA

Tutte le regioni
ITA
Notizie aziendali

Capo del gruppo AgroKhimProm: la legge sui pesticidi ridurrà il dumping dannoso per il mercato

Capo del gruppo AgroKhimProm: la legge sui pesticidi ridurrà il dumping dannoso per il mercato

Alla fine di giugno, la Russia ha firmato una legge rivoluzionaria per il mercato degli agrochimici e dei pesticidi: dal 2011, il paese ha smesso di monitorare il fatturato dei prodotti, che ha portato all'inondazione del mercato con prodotti contraffatti provenienti da paesi stranieri. La quota di prodotti contraffatti era del 30%, che ha portato non solo alla morte di massa delle api, ma è diventata anche una minaccia diretta alla salute umana.

Con la nuova legge, il Rosselkhoznadzor è stato abilitato come organo di controllo. Ora l'agenzia controllerà l'importazione di farmaci attraverso il confine e monitorerà il rispetto delle regole per la loro produzione, vendita, stoccaggio, uso, così come la loro disattivazione, smaltimento e sepoltura.

I redattori del progetto Made in Russia hanno parlato con Alexander Tainov, capo del gruppo AgroKhimProm, uno dei principali produttori di agrofarmaci in Russia e nei paesi della CSI, sull'impatto della nuova legge sul mercato.

- In che misura tale misura, secondo lei, come attore del mercato, era necessaria e perché?

- A mio parere, la necessità di una tale decisione era attesa da tempo - negli ultimi anni, la situazione del mercato dei prodotti fitosanitari e agrochimici si è rapidamente deteriorata.

L'indebolimento del controllo sull'importazione e sul giro d'affari dei prodotti fitosanitari nazionali ha portato al fatto che il mercato ha cominciato a infiltrarsi di più nella contraffazione e nei prodotti di dubbia qualità. Come risultato di questa "libertà" nel mercato gli agricoltori hanno cominciato a lamentarsi più spesso che certi prodotti che comprano non funzionano come dovrebbero.

E pensate alla morte di massa delle api - ogni anno molte regioni affrontano questo problema, che è causato da una varietà di motivi. Compreso l'abuso di prodotti agrochimici, che non soddisfano tutti i requisiti di sicurezza necessari. Se la situazione non viene affrontata, le conseguenze possono essere enormi, sia per l'ambiente che per la salute umana. Pertanto, sosteniamo pienamente le misure adottate.

- L'innovazione avrà un impatto sulle attività della vostra azienda?

- Nel nostro lavoro ci atteniamo ad alti standard di qualità dei nostri prodotti, e questo vale sia per i prodotti innovativi fabbricati nei nostri impianti di produzione nella regione di Orenburg, sia per i pesticidi tradizionali, che l'azienda produce in Cina su base contrattuale.

I nostri specialisti studiano a fondo i partner e i fornitori con cui collaboriamo; le materie prime e i prodotti finiti vengono controllati per verificare la conformità ai requisiti necessari. Quando i prodotti arrivano dalla Cina, controlliamo sempre che le concentrazioni di principi attivi dichiarati siano in linea con il prodotto reale.

Grazie a questa politica i nostri partner sanno che possono sempre contare sui prodotti AgroChemProm. Quindi, rispondendo alla sua domanda, posso dire con certezza che questa innovazione non influenzerà in alcun modo il nostro lavoro.

- Ma influenzerà il mercato dell'industria nel suo complesso? Se sì, come?

- Se parliamo del mercato nel suo complesso, a mio parere, questo migliorerà la sicurezza e la qualità dell'industria agricola, oltre a ridurre il dumping, che è distruttivo per le sane relazioni di mercato. La nostra azienda opera in questo mercato da oltre 20 anni, e sappiamo per certo che c'è una certa soglia sotto la quale i prodotti veramente sicuri e di alta qualità non possono scendere di prezzo. Ma molti agricoltori non possono permettersi di essere selettivi e godono della possibilità di comprare i pesticidi di cui hanno bisogno a un prezzo così interessante, senza pensare alla loro qualità e alle conseguenze del loro uso.

Alcuni possono sostenere che un controllo più severo sui prodotti agrochimici provocherà un aumento dei prezzi. Sono fondamentalmente in disaccordo con questo: il prezzo dei prodotti di qualità non cambierà, basta smettere di scaricare prodotti di bassa qualità per il bene dei profitti a breve termine a spese degli agricoltori e della nostra salute, in definitiva.

Forse non tutte le aziende di vendita saranno in grado di adattarsi alla situazione, soprattutto quelle più piccole. Questo, a sua volta, porterà al consolidamento degli affari - i piccoli venditori e i sub-distributori non saranno in grado di resistere alla concorrenza. Ma questo manterrà il settore agricolo al sicuro da venditori senza scrupoli e irresponsabili, lasciando solo i produttori affidabili che danno valore alla loro reputazione e alla qualità dei farmaci che vendono sul mercato.

Ksenia Gustova intervistata

Aziende e marchi

0