Mosca ha aumentato l'esportazione di bevande non alcoliche di 1,6 volte
2021-07-18 12:55

Mosca ha aumentato l'esportazione di bevande non alcoliche di 1,6 volte

Le esportazioni di bevande analcoliche da Mosca sono aumentate del 58% da gennaio ad aprile di quest'anno a 11,3 milioni di dollari rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, secondo il servizio stampa del Dipartimento degli investimenti e della politica industriale di Mosca.

Secondo il vicesindaco di Mosca Vladimir Efimov, la quota principale di questa categoria di merci esportate proviene da bibite e succhi di frutta (più di 9 milioni di dollari).

"L'offerta di prodotti da bere all'estero è in costante aumento ogni anno. Così, le esportazioni di soda nei primi quattro mesi di quest'anno sono aumentate del 117% da gennaio-aprile 2020 e del 148% dalla stessa cifra per il 2019", ha specificato.

Nel centro "Mosprom" ha notato che da Mosca ad altri paesi ha inviato acqua potabile di 1,54 milioni di dollari e acqua minerale (600 mila dollari). La birra analcolica da Mosca ha iniziato a essere importata otto volte di più: è stata consegnata all'estero quest'anno per quasi 17 mila dollari contro 1,9 mila dollari nel 2019.

I principali importatori di bevande analcoliche da Mosca nei primi quattro mesi di quest'anno sono stati Uzbekistan (4 milioni di dollari), Bielorussia (circa 2,1 milioni di dollari) e Kazakistan (1,93 milioni di dollari). Allo stesso tempo, Mosca ha aperto nove nuovi mercati per tali prodotti per la prima volta nel 2021: Arabia Saudita, Estonia, Hong Kong, Corea del Sud, Panama, Belgio e Cambogia, ha detto il capo del Dipartimento degli investimenti e della politica industriale Alexander Prokhorov.

Mosprom ha notato che i mercati del Medio Oriente (Bielorussia, Kazakistan, Uzbekistan) e del Medio Oriente (Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita) sono tra le possibili destinazioni delle esportazioni di bevande analcoliche.

Made in Russia // Made in Russia

Autore: Ksenia Gustova