Esportazione culturale: i laureati in teatro mettono in scena produzioni all'estero
2021-07-21 07:30

Esportazione culturale: i laureati in teatro mettono in scena produzioni all'estero

Il Ministero della Cultura, il Roskontsentr e il GITIS hanno lanciato un progetto che permette di mettere in scena le produzioni dei diplomati dell'istituto in altri paesi.

"STIAMO FORMANDO DEI TEAM CREATIVI...".

Il rettore del GITIS Grigory Zaslavsky ha detto che l'idea del progetto è nata due anni fa a Kaliningrad, ma la pandemia ha fatto degli aggiustamenti anche qui.

"Il progetto si è realizzato grazie al Ministero della Cultura della Russia, il sostegno di Roskontsert. Ma se non ci fosse stato il desiderio reciproco, non ne sarebbe venuto fuori nulla... Le prime prove sono iniziate già nel buzzer. Ma già nell'aprile di quest'anno ci sono state due prime. La prima a Nur-Sultan, la capitale del Kazakistan, al Teatro Russo Maxim Gorky e la seconda nella città di Taras nel sud del Kazakistan, non lontano dall'Uzbekistan. La seconda prima è stata a Taras, una città nel sud del Kazakistan, vicino all'Uzbekistan, dove è stata rappresentata la commedia "Giullari" di Aleksandr Ostrovsky", ha detto.

Il progetto è estremamente importante perché oltre alla cooperazione internazionale permette la formazione di squadre creative, ha detto. "Non è un segreto che la cosa più importante per un regista è trovare il suo artista, il suo coreografo - da questa comunanza nascono grandi teatri, come il teatro Stanislavsky, il teatro Efroa, non un teatro-edificio, ma un certo concetto di teatro", - ha spiegato Zaslavsky.

ESPORTAZIONE DI CULTURA

Il rettore del GITISA ha notato che gli organizzatori del progetto sperano di svilupparlo nel 2022. "Vogliamo che i laureati delle nostre altre meravigliose università teatrali vi aderiscano", ha notato Zaslavsky.

"Stiamo aspettando che i teatri aprano anche nel nord della Russia, nel nord-ovest della Russia, come è successo in Kazakistan, dove si è pensato che il teatro è un luogo dove la gente diventa più sana", ha aggiunto.

Da parte sua, Svetlana Kondratieva, vice direttore generale di Rosconcert, ha notato che anche la geografia del progetto si espanderà.

"Oltre a ciò che è già stato rilasciato, i diplomati si esibiranno. performance in Tagikistan, Uzbekistan e Kirghizistan, in futuro si uniranno anche altri paesi. Questo è un progetto molto interessante, e si concluderà con una performance de 'L'ispettore generale' di Nikolai Gogol a Bishkek", ha detto.

C'è anche il potenziale per sviluppare "esportazioni culturali" nei Baltici, ha detto Filipp Los, direttore artistico del Teatro Russo di Estonia.

"Vogliamo che i nomi dei giovani registi russi siano ascoltati in pieno, che siano discussi dalla stampa russa ed estone, che se ne parli, che se ne discuta. Non vediamo l'ora di realizzare il progetto e lo vogliamo davvero", ha detto Los.

Ha notato che il Teatro Russo di Estonia ha mantenuto stretti legami con il GITIS per molti anni.

"Negli anni passati, abbiamo costantemente tenuto laboratori di regia per i laureati dell'università, e i vincitori hanno messo in scena produzioni sul nostro palco. Il nuovo progetto espande le opportunità per i laureati in teatro e le prospettive del nostro teatro. Vogliamo che ogni produzione di questo tipo sia un evento in Estonia", ha concluso Los.

Made in Russia / Made in Russia

Autore: Maria Buzanakova