RDIF sulle consegne dello Sputnik V all'Argentina: nessuna questione di revisione o risoluzione del contratto
2021-07-23 09:48

RDIF sulle consegne dello Sputnik V all'Argentina: nessuna questione di revisione o risoluzione del contratto

Il Russian Direct Investment Fund (RDIF) ha commentato la situazione intorno alla fornitura di vaccino nazionale contro il coronavirus Sputnik V all'Argentina.

In precedenza, il giornale La Naсion ha scritto, citando una lettera di Cecilia Niccolini, consigliere del presidente dell'Argentina , alla RDIF che nel mese di luglio l'Argentina non aveva ricevuto 5,5 milioni di dosi del primo componente dello Sputnik V e 13,1 milioni di dosi del secondo componente. Ha detto che il contratto con la Russia era in pericolo di essere risolto, notando che altri fornitori stavano rispettando i loro obblighi.

Più tardi, un portavoce presidenziale ha detto che la RDIF è in contatto con l'appaltatore per regolare i problemi che sorgono. Ha descritto la situazione di fornitura come "non un'interruzione, ma un ritardo" e ha aggiunto che "la massima priorità è quella di soddisfare le esigenze di vaccinazione dei russi.

La RDIF accoglie con favore l'annuncio del ministro della salute argentino che il lavorolavoro nell'ambito del contratto di fornitura del vaccino russo Sputnik V"La RDIF accoglie con favore la dichiarazione del ministro della salute argentino che il lavoro sotto il contratto per la fornitura del vaccino russo Sputnik V sta continuando e che non ci sono piani per rinegoziare o annullare. L'esperienza positiva dell'uso dello Sputnik V"L'esperienza positiva con l'uso di Sputnik V in Argentina ha dimostrato l'eccezionale sicurezza ed efficienza del vaccino russo, che è già prodotto in Argentina ed è uno dei vaccini più popolari contro la nuova infezione da coronavirus", - ha detto nel comunicato RDIF.

Il fondo ha aggiunto che sta lavorando attivamente per continuare le forniture ininterrotte di Sputnik V”.

Made in Russia // Made in Russia

Autore: Ksenia Gustova