L'onere per le imprese di pagare l'ecotassa aumenterà fino a 10 volte dal 2022, calcola Danone
2021-07-28 11:07

L'onere per le imprese di pagare l'ecotassa aumenterà fino a 10 volte dal 2022, calcola Danone

La nuova legge sulla responsabilità estesa del produttore (EPR) aumenterà l'onere per le imprese da 4 a 10 volte dal prossimo anno, ha detto Maria Zharkova, direttore regionale per gli affari aziendali alla Danone, durante il vertice economico internazionale "Russia - Islamic World: KazanSummit 2021".

"Nel 2022, dobbiamo vivere secondo una nuova legge. Si tratta degli obblighi delle imprese di raccogliere e riciclare gli imballaggi che producono o pagare l'ecotassa", ha detto, spiegando che nel 2016 le imprese erano obbligate a riciclare il 5% dei propri imballaggi, nel 2020 questa cifra è salita al 20%.

La maggior parte degli attori del mercato, ha detto, ha preferito pagare l'ecotassa fino all'anno scorso.

La situazione cambierà dal prossimo anno, quando entrerà in vigore una nuova legislazione, secondo la quale i produttori potranno scegliere l'una o l'altra cosa: riciclare i propri imballaggi, stipulare contratti con i riciclatori o pagare la tassa ecologica, dice la rappresentante della società.

"La differenza fondamentale delle nuove regole è che ora il produttore dovrà pagare per ogni tonnellata di imballaggio immessa nel mercato. Se ora parliamo dell'ecotassa, aumenterà i pagamenti all'impresa da 4 a 10 volte rispetto a quello che erano prima del 2022. Tutto questo avrà un impatto sui costi di produzione", ha spiegato Zharkova.

CATTIVO RICICLAGGIO = MAGGIORE ECOTASSA

Se vengono utilizzati materiali di imballaggio difficili da riciclare, il produttore dovrà pagare un'ecotassa ad un tasso più alto.

"Se nell'imballaggio compare un elemento in PVC che non è riciclabile, il coefficiente aumenta quasi di tre volte. Allo stesso modo, si incoraggia l'uso di imballaggi più semplici, chiusure più ecologiche, meno rivestimento delle etichette", ha detto Zharkova.

Tuttavia, ha sottolineato che ci sono anche dei "ma". Perché le aziende passino, per esempio, dal PVC o, come nel caso della Danone, dal polistirolo, è necessario cambiare linee e tecnologie. Questo processo richiede tempo e costi e si tradurrà in una perdita del 15% del mercato, che a valle della catena provocherà una riduzione del 15% della domanda di latte crudo da parte degli allevatori.

Secondo la nuova legislazione, è obbligatorio per le aziende utilizzare anche materiali riciclati. Tuttavia, questo non è possibile in tutti i casi, ha condiviso Zharkova, perché il tetrapack ampiamente utilizzato, per esempio, non può essere fatto con materie prime riciclate.

"Siamo per i cambiamenti, ma vogliamo avere una tabella di marcia trasparente per il business sotto questi requisiti", - ha detto il rappresentante della Danone.

Zharkova ha anche sottolineato la necessità di rivedere la legislazione in termini di imprese che lavorano con organizzazioni di beneficenza, perché attualmente, se una società dà i suoi prodotti in beneficenza, deve pagare l'imposta sul reddito, ma se la società si disfa degli stessi prodotti, riceverà un risarcimento.

DA UN'ECONOMIA LINEARE A UN'ECONOMIA CICLICA

Il produttore di prodotti lattiero-caseari Danone punta oggi a passare da un'economia lineare a un'economia ciclica entro il 2030, Maria Zharkova ha condiviso i suoi piani.

"Purtroppo, oggi non possiamo dire di essere riusciti a sostituire e introdurre la plastica riciclata nei nostri imballaggi. Ma abbiamo sostituito con successo la plastica a bassa pressione con il PET (la plastica più riciclabile) in un certo numero di marchi. Ci siamo allontanati dagli imballaggi in PVC. Ora stiamo cercando un'alternativa ai tubi di plastica che non sono riciclabili, ma finora tutto quello che stiamo provando, compresa la carta, non sta dando i risultati sperati. Per quanto riguarda gli imballaggi in polistirolo, abbiamo fissato una scadenza al 2025, quando abbiamo intenzione di sostituire tutte le attrezzature", ha detto.

L'azienda investe anche nella creazione di impianti di depurazione locali, al fine di ridurre il carico che le imprese di trasformazione lattiero-casearia mettono sulle infrastrutture della città. Ha sottolineato che questi progetti sono costosi, per esempio, la costruzione di tali strutture a Kazan è costata alla società circa 300 milioni di rubli.

SU KAZANSUMMIT 2021

Il mondo russo-islamico: KazanSummit 2021, un vertice economico internazionale della Russia e degli stati membri dell'Organizzazione della Cooperazione Islamica (OIC), si terrà a Kazan il 28-30 luglio. Il vertice mira a rafforzare i legami commerciali, economici, scientifici, tecnici, sociali e culturali tra la Russia e gli stati membri dell'OIC.

Il leitmotiv del Forum nel 2021 è il consumo consapevole; i temi chiave del programma d'affari includono la finanza partner, l'industria halal, la diplomazia giovanile, la medicina, lo sport, le industrie creative, lo sviluppo delle esportazioni, l'imprenditorialità e gli investimenti. L'evento ospita anche il Russia Halal Expo e il Mechanical Engineering Cluster Forum.

Nel pre-crisi 2019, il summit ha visto la partecipazione di 3,5 mila delegati provenienti da 72 paesi e 38 regioni della Russia. Quest'anno, più di 2.500 persone provenienti da 60 paesi partecipano al vertice.

Made in Russia // Made in Russia

Autore: Ksenia Gustova