FATTO IN RUSSIA

Tutte le regioni
ITA
Intervista

"Un anno e mezzo senza guadagni": intervista al capo di Umma Tour sul lavoro in una pandemia

"Un anno e mezzo senza guadagni": intervista al capo di Umma Tour sul lavoro in una pandemia

L'anno della pandemia ha dato un duro colpo all'industria dei viaggi, e mentre oggi i viaggiatori non hanno generalmente difficoltà a viaggiare all'interno del paese, la questione rimane aperta con le vacanze all'estero.

Tuttavia, oltre ai tour operator che aiutano a viaggiare in un altro paese, ci sono agenzie di viaggio che sono impegnate in attività piuttosto specifiche - inviare pellegrini in luoghi sacri. Per questi viaggi, la cerchia delle destinazioni è notevolmente limitata, e nel caso del culto per i musulmani, tutto si riduce a un solo paese - l'Arabia Saudita, dove i credenti vanno a fare l'Hajj.

La redazione di Made in Russia ha incontrato Shamil Mukaramov, direttore generale di Umma Tour, per scoprire quali difficoltà il business ha affrontato durante la pandemia, come possono cambiare i prezzi dei pellegrinaggi e quando aspettarsi la ripresa dei viaggi e la ripresa del settore.


- Ci dica, quali sono le differenze tra il turismo religioso e quello ordinario?

- Per turismo religioso, intendiamo il pellegrinaggio e il turismo di culto. Per i musulmani è un viaggio alla Santa Mecca e Medina. Per ogni musulmano, se una persona ha i mezzi finanziari, c'è l'obbligo di fare almeno una volta nella vita un viaggio alla Mecca - fare l'Hajj. Si svolge una volta all'anno in determinati giorni. Non è affatto come una vacanza tradizionale: la gente non prende il sole, non cammina per la città, è solo un'esperienza religiosa.

- Per voi è un'opportunità di fare soldi, comunque la si guardi. Quali sono le sottigliezze nella gestione di un tale business?

- Non ci sono grandi sottigliezze. È, prima di tutto, un momento di fiducia, perché a differenza del solito turismo quando una persona viene mandata in vacanza al mare, qui lo scopo è leggermente diverso. Un uomo va ad adorare e quindi è molto importante che il tour operator tratti questo caso, nonostante sia un business, come una sorta di servizio a Dio, perché se questo caso è visto puramente come un business, non ci sarà una prospettiva a lungo termine. Dipenderà dal tour operator che il pellegrino passi di qui in un altro paese.

- Questo tipo di business richiede investimenti o supporto statale?

- Lo Stato non lo sostiene. Ma durante la pandemia i tour operator sono stati generalmente sostenuti. Nell'ambito di questo sostegno abbiamo anche usufruito di aiuti.

In termini di difficoltà, un numero limitato di posti è assegnato per l'Hajj. Così per ogni paese l'Arabia Saudita assegna delle quote - l'1% del numero totale di musulmani in quel particolare paese - per la Russia sono 25.000 perché secondo stime non ufficiali abbiamo circa 20-25 milioni di musulmani. Ma fino a circa tre anni fa, 20.000 posti erano assegnati al nostro paese.

"Hajj Mission Russia" assegna le quote alle amministrazioni spirituali e le agenzie turistiche le attuano in accordo con le autorità spirituali musulmane, oppure la stessa amministrazione spirituale crea una propria agenzia turistica che organizza il pellegrinaggio. Ma chiunque non può aprire una tale agenzia di viaggi, perché è improbabile che ottenga una quota. Ci sono circa 9 compagnie di questo tipo in Russia. La quota per la nostra azienda che lavora sotto l'Assemblea Spirituale dei Musulmani di Russia è di 600 persone per Hajj.

Oltre al Grande Hajj, c'è l'Umrah, che è un pellegrinaggio alla Mecca e Medina ma non durante i giorni del Grande Hajj.

Quest'anno l'Hajj avrebbe dovuto svolgersi dal 17 al 22 luglio, ma è stato cancellato per ragioni comprensibili a tutti. L'Umrah dovrebbe aprirsi il primo di agosto. Ma quest'anno in particolare la situazione non è ancora chiara. L'Arabia Saudita ha già aperto i voli, ma sta avendo difficoltà con le vaccinazioni perché l'Arabia Saudita può accettare solo i vaccini approvati dall'OMS, e i nostri vaccini non sono inclusi. Il piccolo pellegrinaggio per i russi è stato condizionatamente permesso, ma non è chiaro se possiamo in qualche modo risolvere i problemi dei vaccini.

La gente certamente non vede l'ora. Dal momento che la gente lo tratta come una sorta di impegno se stiamo parlando del Grande Pellegrinaggio. Alcune persone risparmiano per esso per 5-10 anni, alcuni risparmiano soldi dalla loro pensione per tutta la vita, alcuni sono aiutati dai loro figli.

Il pellegrinaggio non è economico - in media, i prezzi in Russia sono partiti da 3.000 dollari, ora saranno ancora più alti a causa delle restrizioni.

- Come siete sopravvissuti alla pandemia?

- I problemi, naturalmente, non ci hanno scavalcato. Da un anno e mezzo non abbiamo praticamente nessuna attività. Nel febbraio 2020 l'Arabia Saudita ha chiuso le frontiere, e da quel momento abbiamo smesso di mandare i russi al Grande e Piccolo pellegrinaggio. Ci sono dei tempi morti in corso.

Per tutto questo tempo abbiamo avuto un certo sostegno da parte del governo. Inoltre abbiamo una destinazione negli hotel halal in Turchia: vacanze con spiagge e piscine separate. Abbiamo lavorato in questa direzione, ma con la Turchia, come sapete, ci sono state situazioni diverse: l'anno scorso è stato chiuso fino ad agosto, e ad agosto, alla fine della stagione, abbiamo avuto tempo per lavorare. Quest'anno è iniziato bene, ma poi è stato chiuso di nuovo, e ora stiamo volando di nuovo.

- Quali erano le vostre entrate prima dell'anno di crisi e come sono cambiate durante la pandemia?

- Non voglio dare cifre, ma se parliamo solo di Hajj e Umrah, che sono le nostre attività principali, le perdite sono state del cento per cento. Non c'è stato alcun guadagno per un anno e mezzo. Ma, come ho detto, abbiamo destinazioni alternative - si tratta di hotel halal, la vendita di biglietti aerei e le cure nelle cliniche turche. C'è anche un grande interesse da parte dei musulmani per l'acquisto di beni immobili in Turchia. Abbiamo sviluppato queste linee di business e ne abbiamo tratto profitto.

- Che esperienza avete tratto dalla pandemia - ristrutturerete le vostre attività?

- Dopo tutto, ci posizioniamo come un tour operator per i musulmani, e questo è sempre percepito come pellegrinaggio - Hajj e Umrah, quindi non importa quanto duramente cerchiamo di ristrutturare, la gente si aspetta sempre questo da noi, e non possiamo invece offrire loro un trattamento in Turchia. Certo, in un certo senso è interessante per i nostri pellegrini, ma in generale si aspettano altre cose da noi.

Ci aspettiamo che qualcosa cambi quest'anno, anche se sappiamo già che le condizioni saranno più difficili e il pellegrinaggio sarà più costoso. Per esempio, eravamo soliti fare camere a quattro e anche a cinque letti per rendere il programma più economico, ma ora l'Arabia Saudita dice che devono essere solo camere a due letti, e negli autobus invece delle solite 50 persone, ora possiamo averne solo 25.

Prima dell'Hajj c'era l'informazione che i voli potevano essere solo diretti, ora non ci sono ancora queste condizioni, ma è possibile che permetteranno solo voli diretti, che tendono ad essere più costosi dei voli di collegamento.

Tutto quello che ho elencato, più i test PCR, anche se la persona è vaccinata, incide sul costo. Forse non stiamo parlando di un aumento di prezzo del 100%, ma di un aumento di almeno il 10-15%. Nello specifico nella nostra azienda, il prezzo per il Piccolo Pellegrinaggio è partito da 1200 dollari, quindi diventerà circa 1500 dollari, e il Grande Pellegrinaggio potrebbe passare da tremila dollari a 4-4,5mila dollari. Questo è dovuto al fatto che nell'Hajj, a differenza dell'Umrah, i prezzi degli alberghi sono molto più cari e il numero di posti è limitato.

L'Arabia Saudita ha anche aumentato le tasse, che prima erano del 5%, ora sono del 15%. Anche il nostro tasso di cambio ne risente.

Il costo sarà più alto, e influirà sul numero di pellegrini, ma le quote per l'Hajj sono sempre piene, ci sarà sempre chi vuole andare in pellegrinaggio, perché la gente si sente obbligata a farlo. Nonostante tutto questo, a giudicare dalle domande che riceviamo, c'è una lista d'attesa molto grande. Pensiamo che una volta che le frontiere saranno aperte, l'afflusso sarà grande e non ci aspettiamo alcun problema in questo senso.

- Che fine hanno fatto i soldi dei pellegrini che hanno pagato il viaggio?

- Poiché pensavamo che la situazione con noi sarebbe durata, abbiamo deciso di restituire tutto il denaro. Naturalmente c'è stato chi ha voluto tenere i soldi per l'anno prossimo, ma per la maggior parte abbiamo insistito per riavere tutti i soldi. Un certo numero di persone ha trasferito i suoi buoni di viaggio dal 2020 al 2021, se parliamo dell'Hajj.

Ma quest'anno l'Hajj non si è ripetuto, e abbiamo restituito tutti i soldi, perché non sappiamo cosa succederà in futuro e i prezzi stanno salendo. Non saremo in grado di organizzare l'Hajj al prezzo che la gente ha pagato nel 2020, anche se lo vogliamo. Ci possono essere tour operator che si offrono di posticipare il viaggio e dicono che organizzeranno l'Hajj per lo stesso prezzo. Cioè, per esempio, il nuovo prezzo sarà per i nuovi clienti, ma per i vecchi clienti rimarrà lo stesso. Ma abbiamo scelto un altro modo perché i rischi sono molto alti.

Made in Russia // Made in Russia

Autore: Ksenia Gustova





0