Gli esperti dicono cosa aspetta gli esportatori russi a causa della tassa sul carbonio nell'UE
2021-08-04 12:01

Gli esperti dicono cosa aspetta gli esportatori russi a causa della tassa sul carbonio nell'UE

Gli esportatori russi non subirebbero perdite "fiscali" notevoli dalla regolamentazione transfrontaliera del carbonio (TUR) nell'Unione europea (UE). Saranno in grado di recuperare quasi il 90% delle perdite finanziarie dal pagamento della tassa sul carbonio aumentando i prezzi dei prodotti, hanno scoperto gli analisti del gruppo di ricerca Petromarket.

"L'introduzione della carbon levy all'importazione nell'UE causerà un aumento dei prezzi per la maggior parte dei prodotti russi da esportazione coperti dal TUR, che compenserà in gran parte i costi degli importatori per il pagamento della tassa. L'unica eccezione sarà l'elettricità. Complessivamente, stimiamo che nei 10 anni dal 2026 al 2035, i dazi all'importazione per l'industria dell'alluminio, la chimica del gas, la produzione di cemento e la metallurgia ferrosa rappresenteranno poco più di 760 miliardi di Rb nei prezzi del 2021. Durante lo stesso periodo, l'aumento dei prezzi dei prodotti delle suddette industrie indotto dall'attuazione del TUR porterà agli esportatori almeno 650 miliardi di rubli e coprirà così l'86% delle perdite del prelievo", dice lo studio.

Secondo gli esperti, anche le ipotetiche perdite della Russia nell'esportazione di elettricità verso l'UE si riveleranno insignificanti: con l'inizio dei pagamenti del TUR, le esportazioni di elettricità dalla Russia verso l'UE diminuiranno radicalmente a causa dell'uscita degli stati baltici dall'anello energetico di Bielorussia, Russia, Estonia, Lettonia e Lituania entro il 2025 e i piani della Finlandia di smettere di importare elettricità dalla Russia entro il 2030.

Allo stesso tempo, il rischio chiave per la Russia dall'introduzione del TUR non è legato alla presenza della tassa sul carbonio all'importazione in sé, ma alla possibile perdita del mercato europeo per gli esportatori russi nel lungo termine. L'introduzione del TUR crea in realtà un nuovo campo di competizione tra i produttori di beni sul mercato dell'UE, in cui chi è in grado di decarbonizzare la propria produzione nella misura maggiore avrà il vantaggio. I produttori europei hanno le migliori possibilità di vincere questa battaglia: al momento sono quelli più incentivati a decarbonizzare, nota PetroMarket.

Secondo i ricercatori, l'opzione migliore per la Russia in questa situazione è una tassa sulle esportazioni di carbonio applicabile all'esportazione di merci dal paese al di fuori dell'Unione economica eurasiatica (EAEU), cioè un TUR russo "specchio". Dovrebbe applicarsi alle merci della stessa nomenclatura, alla stessa aliquota e con la stessa formula del TUR dell'UE. Gli esperti ritengono che questo permetterebbe di azzerare il dazio europeo all'importazione quando si esportano merci dalla Russia.

"Inoltre, è ragionevole limitare il TUR russo alle industrie con grandi volumi di esportazione verso l'UE e, di conseguenza, con grandi pagamenti potenziali aggregati al bilancio dell'UE sotto il TUR europeo - l'industria dell'alluminio, la metallurgia ferrosa e la chimica del gas. In questo caso, il beneficio per l'economia russa dall'intercettazione della tassa transfrontaliera nel suo complesso per il periodo dal 2026 al 2035 sarebbe quasi 700 miliardi di rubli nei prezzi del 2021", dice lo studio.

Tuttavia, gli autori sottolineano che un tale meccanismo ha uno svantaggio significativo: si applicherebbe all'intero volume di esportazione delle merci soggette ad esso (tranne l'esportazione verso i paesi dell'EAEU), e non solo alle forniture verso l'UE. Pertanto, l'importo totale dei dazi sulle esportazioni di carbonio che i produttori russi dovranno pagare per il periodo dal 2026 al 2035 sarà 2,8 volte più alto che se pagassero solo il dazio sulle importazioni di carbonio nell'UE.

In precedenza, la Commissione europea ha pubblicato un progetto di regolamento transfrontaliero sul carbonio. Lo scopo del progetto è di prevenire il "carbon leakage". Entro il 2026, l'UE prevede di introdurre un prelievo sulle importazioni di alcuni beni la cui produzione ha richiesto elevate emissioni di CO2. Dal 2023 al 2025 ci sarà un periodo di transizione in cui gli importatori dovranno riferire trimestralmente le emissioni effettive associate alle merci importate nell'UE ed eventuali pagamenti per le emissioni di carbonio all'estero.

Made in Russia // Made in Russia

Autore: Karina Kamalova