Condividi
Aggiorna abbonamento
Grazie per la sottoscrizione!
Iscriviti a Fatto in Russia oggi e ricevi le notizie più interessanti sul business, l'esportazione e la cultura russa oggi!
Social media e abbonamento RSS

2016-02-01 03:39

Denis Manturov: "Ci concentriamo sull'esportazione di prodotti ad alta tecnologia".

Il capo del Ministero dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa Denis Manturov, di ritorno dall'Iran, ha rilasciato un'ampia intervista all'agenzia di stampa TASS, in cui ha parlato dell'ulteriore sviluppo delle relazioni russo-iraniane, dei Paesi che intende visitare nel 2016, nonché di come il Ministero dell'Industria e del Commercio riesce a sostenere il business russo nel contesto della crisi e dei tagli di bilancio.

Sulle relazioni tra Russia e Iran

Non c'è motivo di annullare gli accordi con l'Iran adesso. Noi, naturalmente, contavamo sulla revoca delle sanzioni contro la Repubblica iraniana. Al tempo stesso, lo scopo principale della nostra visita era quello di stabilire una cooperazione bilaterale, che si sarebbe sviluppata anche se le sanzioni contro l'Iran dovessero rimanere a tempo indeterminato. La nostra attenzione si concentra ora sul commercio in via di sviluppo tra i Paesi in termini di fornitura di prodotti agricoli di base provenienti dall'Iran. Per quanto riguarda la Russia, ci stiamo concentrando sulla fornitura di prodotti ad alta tecnologia - in primo luogo aerei. Contiamo sulla fornitura di aerei SSJ 100. Speriamo anche in una possibile partecipazione dell'infrastruttura di costruzione di aerei iraniana alla produzione di componenti per i nostri aerei MS-21 con il successivo acquisto di questo aereo di linea. Proseguono le trattative su altri settori civili dell'industria - in particolare l'industria automobilistica e l'ingegneria energetica.

Sulla zona di libero scambio tra Russia e Iran

Nel febbraio 2014 l'Iran ha chiesto alla Commissione economica eurasiatica di istituire una zona di libero scambio con gli Stati membri dell'EAEC. A seguito dello studio di questa proposta l'anno scorso, si è deciso di istituire un gruppo di ricerca congiunto per studiare la fattibilità di un tale accordo. Il risultato del lavoro del gruppo sarà un rapporto, sulla base del quale verrà presa una decisione sulla fattibilità della conclusione di un accordo di libero scambio con l'Iran. Allo stesso tempo, vorrei sottolineare che la decisione di istituire una zona di libero scambio con un paese è presa per consenso e dipende dalle opinioni di tutti gli Stati membri dell'EAEC. Il Ministero dell'Industria e del Commercio della Russia partecipa sempre attivamente a tali questioni, difendendo attivamente gli interessi dell'industria russa sui mercati esteri.

Sugli Stati con cui si svilupperà il dialogo

Svilupperemo visite di lavoro, missioni commerciali e cooperazione internazionale. Quest'anno continueremo a lavorare con i Paesi del Sudest asiatico, in particolare con l'Indonesia, la Thailandia e la Malesia. Una missione commerciale in Giappone è prevista per la fine di febbraio e l'inizio di marzo di quest'anno. Un altro obiettivo per quest'anno è quello di partecipare a una mostra industriale in Zimbabwe e di combinare questa visita con lo svolgimento di una riunione della commissione intergovernativa. Forse visiteremo diversi altri paesi africani vicini allo Zimbabwe nell'ambito di una sola visita. Continueremo inoltre a sviluppare i nostri contatti con i paesi europei, e questo è un elenco incompleto - ci sono diversi progetti per l'anno.

Sull'ottimizzazione del budget.

Nell'ambito dell'ottimizzazione del budget, ci concentreremo su quelle industrie e settori che avranno il massimo effetto moltiplicatore - non per l'anno in corso o anche per il prossimo anno, ma a medio e lungo termine. Naturalmente, ora questo richiederà investimenti da parte del governo, anche finanziari, per garantire le entrate di bilancio per i periodi futuri. In particolare, nel preparare la strategia di sviluppo industriale per il periodo fino al 2030, stiamo esaminando come garantire le entrate fiscali nel 2019-2020.

Sulla situazione dell'industria petrolifera e del gas

Negli anni precedenti, l'enorme volume di prodotti acquistati era rappresentato da fornitori stranieri. Ora, insieme al Ministero dell'Energia, alle compagnie petrolifere e del gas e all'unità di ingegneria, stiamo attuando piani di sostituzione delle importazioni. La linea guida principale per le aziende è il riorientamento verso i fornitori nazionali - quindi, non dovremmo avere timori per lo stato dell'industria delle attrezzature per il petrolio e il gas.

Condividi
I commenti sono vietati dopo 5 giorni dalle pubblicazioni a causa della politica editoriale