La carbon tax costerà agli importatori di prodotti russi 2 miliardi di euro
2021-09-14 01:58

La carbon tax costerà agli importatori di prodotti russi 2 miliardi di euro

L'introduzione della regolamentazione transfrontaliera del carbonio comporterà costi per gli importatori di prodotti russi nell'Unione europea non più di 1-2 miliardi di euro all'anno. Alexander Shokhin, capo dell'Unione russa degli industriali e degli imprenditori (RSPP), lo ha detto in un'intervista alla TASS.

"Secondo la bozza di regolamento pubblicata risulta che i costi annuali degli importatori di prodotti russi nell'UE non supereranno 1-2 miliardi di euro all'anno, a seconda della copertura e dei meccanismi specifici, che non sapremo fino al prossimo anno", ha detto Shokhin.

Secondo l'esperto, il regolamento sarà probabilmente allentato al momento dell'adozione.

Ha spiegato che ci sono discussioni attive su questo argomento nell'Unione europea.

"La polarizzazione delle opinioni tra i paesi e i settori dell'economia è visibile, e il grado di discussione a livello internazionale è alto. Molto probabilmente, al momento dell'adozione del regolamento, sarà ulteriormente ammorbidito, in modo da non provocare una guerra commerciale globale, "- ha detto Shokhin.

Ricordiamo che dal 2023, l'Unione europea introduce una carbon tax sui prodotti importati con grandi emissioni di gas serra. Secondo gli esperti, può colpire circa il 40% delle esportazioni russe.

Made in Russia / Made in Russia

Autore: Maria Buzanakova