FATTO IN RUSSIA

Tutte le regioni
ITA
Esperti

"Monetizzare il volo della fantasia". Un economista sull'ascesa delle industrie creative - INTERVISTA

"Monetizzare il volo della fantasia". Un economista sull'ascesa delle industrie creative - INTERVISTA

Negli ultimi anni, la comunità di esperti sta discutendo attivamente lo sviluppo e il concetto di industrie creative. Sempre più spesso viene espressa l'opinione che è questo settore basato sulla vendita di beni e servizi che sono il risultato dell'attività intellettuale che diventerà il motore dello sviluppo economico globale nel futuro. Il progetto "Made in Russia" ha parlato con Sergey Trukhachev, vice preside per lo sviluppo della facoltà di economia e capo del laboratorio di ricerca sulla modernizzazione istituzionale, per scoprire perché la creatività attrae le autorità finanziarie e perché questo argomento è ancora piuttosto vago.

- Prima di tutto, vorremmo capire il concetto di industrie creative.

- Le industrie creative sono un settore speciale dell'economia, basato sulla vendita di beni e servizi, che sono il risultato dell'attività intellettuale. Ma il problema è che ognuno intende qualcosa di diverso sotto questo termine. Non c'è una metodologia stabilita e una metodologia di valutazione. Ora in Russia, su richiesta della Federazione per lo Sviluppo delle Industrie Creative, si sta conducendo uno studio, e gli esperti, avendo studiato tutti i tipi di statistiche, dicono che non c'è un approccio unificato da nessuna parte. Ci sono serie di diverse raccomandazioni internazionali che sono applicate in diversi paesi, applicate in modi molto diversi.

Ci sono stati diversi studi sulla quota di PIL che le industrie creative occupano, sono anche molto diversi. Ora se ne stanno conducendo di nuovi, e penso che entro la fine dell'anno saranno presentati i dati. Ma è necessario capire che non ci può essere un confronto internazionale corretto. Per dirla in modo rigido, è così. Finora tutto è molto relativo.

- Dal suo punto di vista, perché questo settore è così "confuso"?

- Una sfera nuova. È sempre così quando arriva qualcosa di nuovo che non si adatta bene alle istituzioni tradizionali. Un conto è quando si aveva l'agricoltura legata alla terra, l'industria legata agli edifici e alla tecnologia e alle macchine. Ma quando un volo di fantasia viene monetizzato, non ha un "parcheggio"...

- Secondo lei, che cosa è legato all'emergere di una nuova sfera e alla necessità di individuare il lavoro creativo come un settore separato, dato che la maggior parte delle professioni che vi rientrano esistono da molto tempo?

- Penso che ci siano diversi fattori. In primo luogo, c'è la storia della proprietà intellettuale, che sta diventando sempre più importante per il successo economico di un individuo, di un paese. La proprietà intellettuale è il codice del software, il design, i metodi scientifici ed educativi, la musica, i film. Il brevetto gioca un ruolo sempre più importante nell'economia moderna.

D'altra parte, c'è il problema della geografia e della maggiore mobilità. È chiaro che la competizione non è tanto per il territorio quanto per le persone. Se vuoi avere successo dal punto di vista di una società, una regione, un paese - qualsiasi comunità - non è una questione di quale territorio controlli, ma di quali persone lavorano con te.

- Come valuta lo sviluppo delle industrie creative in Russia?

- Mi sembra che ci sia un aspetto molto importante. C'è un luogo di lavoro, c'è un luogo di residenza, c'è un luogo di vendita. È molto importante capire cosa intendiamo per "sviluppato" e "non sviluppato". Ci sono residenti fiscali che si guadagnano da vivere con il lavoro creativo. Lavorano sempre per una società registrata nella giurisdizione russa? No, non sempre. Queste persone vivono sempre in Russia? Di nuovo, no. Ecco perché è molto importante distinguere tra mercati del lavoro e luoghi di residenza.

- E ancora, se stiamo parlando del mercato russo, di persone che vivono in Russia e lavorano per aziende russe?

- Naturalmente, le persone che lavorano in aziende russe non lavorano solo per il mercato russo. Prendiamo l'informatica. È chiaro che questa è un'industria globale, non russa. I russi che lavorano per gli uffici russi di Microsoft, se fanno parte delle industrie creative russe, è una questione di metodologia. Lavorano in Russia, ma è un'azienda globale, quindi non è proprio una questione russa. Ecco perché abbiamo bisogno di una metodologia per calcolarlo; la storia è troppo sfaccettata.

- Aspettiamo che si formi la metodologia. Se torniamo alle persone che lavorano in questo campo, dal suo punto di vista, la Russia ha formato una classe creativa, come possiamo caratterizzarla?

- Qui dobbiamo definire cosa si intende con la parola "classe"? Se nella comprensione classica marxista questo significa un certo rapporto con i mezzi di produzione, allora non esagererei questo fenomeno, visto che i mezzi di produzione stanno diventando sempre più cervelli.

Non sono sicuro che si possa parlare di classe. Possiamo piuttosto parlare della domanda di un certo tipo di lavoro sul mercato. Se questo diventerà o meno una classe, lo vedremo in futuro. Quello che possiamo dire con certezza è che ci sono persone che vivono in questo modo, e il numero di queste persone sta crescendo.

- Guardando al futuro, come valuterebbe il ruolo e l'importanza di questo settore per la Russia?

- Certo che è importante. Ma non si può semplicemente dire: "Vogliamo che le industrie creative si sviluppino in Russia". La storia va molto più in profondità di così.

C'è una ricerca ora su come investire e come rendere la vita confortevole per questo lavoro creativo, in termini di registrazione dei diritti di proprietà, e come vivere e lavorare in quell'ambiente.

Se un paese vuole viverci, deve investire nello sviluppo. La Russia ha un sistema fiscale e bancario conveniente, è spaventosamente orientato al cliente rispetto ad altri paesi. La Russia, specialmente Mosca, è molto avanzata tecnologicamente, ma ci sono alcune cose che bisogna stringere.

Il controllo sui canali di monetizzazione, sui canali di informazione, è di grande importanza. Quello che vedo sul mercato è un chiaro confronto tra le persone che inventano qualcosa, chiamiamoli crackpots (dalla "classe creativa"), e le persone che monetizzano questa storia, per così dire - il compositore e il proprietario del marchio, il programmatore e il proprietario dell'azienda. Questa è una storia più complicata, e vedremo il suo sviluppo nei prossimi anni.

Made in Russia / Made in Russia

Autore: Maria Buzanakova

0