FATTO IN RUSSIA

Tutte le regioni
ITA
Esperti

Agli esportatori è stato detto come facilitare la certificazione delle merci per la consegna all'estero

Agli esportatori è stato detto come facilitare la certificazione delle merci per la consegna all'estero

Le aziende russe che esportano merci all'estero o che progettano solo di organizzare forniture possono ricevere un supporto completo dalle autorità nel processo di ottenimento di una valutazione della conformità dei prodotti con i requisiti del paese importatore. Allo stesso tempo, il livello di consapevolezza di questo tra le piccole e medie imprese rimane basso. Alla conferenza "Esportazioni di sostegno: libero accesso ai mercati esteri", i rappresentanti di Rosakkreditatsiya e del Centro russo per le esportazioni (REC) hanno parlato del sostegno che gli imprenditori possono ricevere per superare le barriere commerciali. Per saperne di più leggi l'editoriale "Made in Russia.

ASSISTENZA NELLA VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ DELLE MERCI

In 20 anni, il tasso medio ponderato delle tariffe per le esportazioni e le importazioni è diminuito di tre volte, mentre il numero di barriere tecniche al commercio sta crescendo, ha detto Dmitry Gogolev, vice capo di Rosakkreditatsiya.

"Il compito di Rosakkreditatsiya è quello di rimuovere le barriere tecniche per i partecipanti all'attività economica estera. Quali strumenti abbiamo che possiamo offrire agli esportatori: ci sono accordi globali sul riconoscimento reciproco, che permettono di riconoscere i risultati delle prove e delle valutazioni di conformità effettuate dagli organismi di certificazione e dai laboratori di prova. Oggi ci sono due organizzazioni globali, ILAC (International Laboratory Accreditation Cooperation) e IAF (International Accreditation Forum). ILAC è più sull'analisi di laboratorio, e IAF è sulla valutazione della conformità, la certificazione. Rosakkreditatsiya è un membro a pieno titolo di entrambe le organizzazioni", ha detto Gogolev.

L'appartenenza a queste associazioni permette di seguire i cambiamenti veloci nei documenti, adottare le migliori pratiche, scambiare esperienze e competenze. Inoltre Rosakkreditatsiya è un membro di APAC (Asia Pacific Accreditation Cooperation) che incoraggia il servizio a sottoporsi regolarmente a verifiche internazionali.

Secondo Gogolev, ci sono quattro scenari in cui gli organismi di accreditamento di diversi paesi interagiscono per semplificare le procedure di esportazione.

"Il primo è quando le parti si accordano sul riconoscimento reciproco. Il secondo è quando un organismo di valutazione della conformità è accreditato in un paese terzo, e ora stiamo lavorando attivamente in questa direzione, che è una priorità per lo stato in termini di riconoscimento reciproco dei risultati della valutazione della conformità. Questo vale soprattutto per gli organismi di convalida dei gas a effetto serra. Il terzo e il quarto scenario sono più complicati e coinvolgono accordi intergovernativi tra paesi. L'esempio è l'accordo dell'Unione europea con i paesi terzi - Canada, Nuova Zelanda, Australia quando firmano accordi sul riconoscimento incondizionato dei risultati di valutazione della conformità per alcuni tipi di prodotti", dice il vice capo del servizio federale.

Ci possono essere problemi a questo proposito. Per esempio, le differenze nei regolamenti tecnici dei paesi importatori: i regolamenti dell'Unione doganale sono in gran parte armonizzati con i requisiti europei, ma se si guarda a est, i requisiti lì possono essere molto diversi, ha detto Gogolev.

Il secondo problema è la differenza nei metodi di prova riconosciuti: un paese può determinare con una metodologia, il secondo con un'altra, ed è necessario concordare che i risultati dei test dei due paesi siano identici.

AGGIORNARE I LABORATORI DI PROVA E AMPLIARE LE METODOLOGIE

"Ora abbiamo un progetto di modernizzazione dei nostri laboratori di riferimento, che comprende l'introduzione di metodologie di prova adottate all'estero. Questo viene fatto in modo che i risultati dei nostri test possano essere riconosciuti. A questo scopo è necessario mettere un marchio ILAC MRA sui rapporti di prova. Al momento abbiamo 62 laboratori di prova con questo marchio, ma questo è un numero molto piccolo di laboratori. Quindi vediamo un grande potenziale di crescita qui", ha detto Gogolev.

Il marchio combinato ILAC MRA sul rapporto di prova o sul certificato di taratura dà peso al documento all'estero perché conferma che è stato rilasciato da un laboratorio il cui accreditamento è riconosciuto a livello internazionale. Per l'esportatore, questo significa che se viene valutato dai laboratori nazionali, i suoi prodotti saranno riconosciuti all'estero.

Al momento solo il 23% dei metodi sono implementati negli organismi di certificazione dei prodotti e nei laboratori di prova in Russia, ma entro il 2024 testeranno più di mille tipi di prodotti per la conformità ai requisiti di esportazione in 88 paesi del mondo.

"I benefici che otterremo quando questo progetto sarà implementato: ridurre i costi degli esportatori di 2-3 volte quando si forniscono prodotti all'estero, perché non ci sarà bisogno di ripetere i test. E non solo si risparmierà denaro, ma si ridurrà anche il tempo", ha notato Gogolev.

La Russia sta anche iniziando a sviluppare organismi di convalida e verifica dei gas serra.

"Come sapete, l'agenda del clima è ora molto attiva. Dal 2023, i nostri partner dell'UE stanno introducendo una regolamentazione transfrontaliera del carbonio. In sostanza, qualsiasi prodotto che attraverserà il confine dell'UE sarà soggetto a una tassa aggiuntiva, a seconda del tipo di impronta di carbonio che lascerà. Inoltre, nel luglio di quest'anno, è stata approvata una legge sulla limitazione dei gas serra, che ha stabilito l'obbligo per le organizzazioni che emettono più di 150 mila tonnellate di CO2 di riferire sulle loro emissioni. E questi rapporti devono essere soggetti a verifica obbligatoria", ha ricordato un rappresentante di Rosakkreditatsiya.

SOSTEGNO ALLE TRATTATIVE CON I PARTNER E RIMBORSO DEI COSTI

Oltre ai servizi non finanziari, come la ricerca di un acquirente straniero all'estero e il sostegno nei negoziati, il REC consiglia gli esportatori sulla valutazione della conformità nei mercati esteri, ha detto Milana Mambetova, direttore del centro di supporto di esperti del REC.

"Un'azienda russa può chiedere al REC di aiutare a trovare un organismo adatto che può fornire determinati servizi per la valutazione della conformità dei prodotti secondo i requisiti esteri. Se una piccola o media impresa non ha informazioni su quali requisiti sono applicati ai suoi prodotti all'estero, queste informazioni vengono fornite anche all'esportatore", ha detto la Mambetova.

Un'impresa può ricevere supporto quando interagisce direttamente con un ente di certificazione straniero. Questo include l'aiuto per superare la barriera linguistica, i problemi con i tempi dell'audit o della certificazione. Il servizio è gratuito, il termine medio per renderlo è di circa un mese.

Quest'anno il REC ha lanciato la piattaforma "Export Professionals" come parte del sistema informativo "One Window". Grazie ad essa, gli esportatori possono ricevere servizi in quattro aree: "Logistica", "Ricerca di partner", "Supporto legale" e "Commercio elettronico".

"Nel secondo trimestre dell'anno prossimo, ci aspettiamo che un'altra area di certificazione sarà portata fuori - la consulenza sull'etichettatura e l'etichettatura. C'è un servizio "Preparazione dell'oggetto della certificazione per la valutazione della conformità e l'audit", che comprende cinque opzioni. <...> Se l'esportatore ha già "bussato" all'organismo e ha ricevuto un rifiuto su questi documenti, è permesso che possa rivolgersi al servizio allo scopo di finalizzare i commenti. Si tratta anche di una traduzione di informazioni, una valutazione preliminare del prodotto o dell'impresa, così come l'accompagnamento della domanda ai laboratori fino alla spedizione dei campioni di prova. Questi servizi sono resi su base rimborsabile", ha spiegato.

Il livello di consapevolezza delle capacità dei laboratori russi tra gli esportatori è basso, quindi il REC prevede di fornire un "marcatore" separato sulla piattaforma. Esso classificherà i partner che appartengono ai laboratori di riferimento e quelli che conducono test secondo gli standard stranieri. Questo renderà più facile la navigazione per gli esportatori, ha spiegato la Mambetova.

Ci sono una serie di programmi di sovvenzione all'interno delle funzioni dell'agenzia, ha spiegato la rappresentante del REC. Tra questi ci sono sovvenzioni per il trasporto, compensazioni per la registrazione di marchi e sovvenzioni per la partecipazione a mostre. C'è un programma in base al quale le aziende possono risparmiare fino all'80% dei costi, non solo per la registrazione dei prodotti all'estero, ma anche per i test di laboratorio e clinici, ha notato. Questo progetto è supervisionato dal Ministero dell'Industria e del Commercio.

Made in Russia // Made in Russia

Autore: Karina Kamalova



0