FATTO IN RUSSIA

Tutte le regioni
ITA
Esperti

L'esperto ha dato raccomandazioni ai laboratori per lavorare con gli esportatori

L'esperto ha dato raccomandazioni ai laboratori per lavorare con gli esportatori

Il numero di produttori russi che desiderano entrare nei mercati di altri paesi è aumentato notevolmente negli ultimi anni. Tuttavia, tutti i prodotti destinati alla vendita all'estero hanno bisogno di certificati internazionali, che possono essere ottenuti dopo averli testati nei laboratori.

Allo stesso tempo, i produttori spesso non sanno di quali documenti hanno bisogno per inviare le loro merci all'estero e a volte lo scoprono quando le merci sono già al confine, ha detto Andrey Kodykov, direttore marketing e sviluppo di "MIIS", l'ufficio di rappresentanza autorizzato dell'ente di certificazione internazionale IMQ (autorità di notifica dell'Italia) nell'ambito della conferenza "Basic Export: Libero accesso ai mercati esteri".

Leggete come risolvere questo problema e stabilire la cooperazione tra aziende e laboratori nell'articolo "Made in Russia".

TRE CANALI DI COOPERAZIONE.

Kodykov ha dichiarato che l'aumento del numero di laboratori nel paese è un sicuro vantaggio per le aziende, perché in questo modo possono ottimizzare i costi logistici o ridurre il tempo necessario per i test.

Ha detto che i rappresentanti dei laboratori dicono che sono pronti a svilupparsi, a soddisfare i requisiti, a sottoporsi alla formazione, ma la domanda per loro è come i loro servizi in futuro saranno richiesti.

"Ci sarà una domanda? Otto anni fa, non c'era una domanda come adesso. Come fa il laboratorio stesso ad attirare aziende e produttori. Secondo noi, ci sono tre canali. Il primo è la struttura del REC", dice l'esperto.

Inoltre, i laboratori stessi devono impegnarsi nella propria promozione - usare la pubblicità, partecipare a conferenze e altri eventi.

Anche i laboratori hanno bisogno di cooperare con altri attori del mercato - con società di consulenza che collegheranno esportatori, laboratori, rappresentanti delle autorità e modereranno il processo, ha aggiunto.

"I laboratori stessi hanno bisogno di partecipare a conferenze. Noi, per esempio, abbiamo tenuto circa 300 diversi eventi online e partecipato a conferenze negli ultimi anni. Ma i laboratori non si incontrano molto spesso. Se vuoi promuoverti o avere aziende di esportazione che vengono da te e conducono test da te, devi usare questi canali. Devi rendere i laboratori più aperti", ha spiegato Kodykov.

DOMANDE DEGLI ESPORTATORI

Ogni esportatore ha una serie di domande quando va in laboratorio. E il personale del laboratorio deve sapere come lavorare con loro, ritiene l'esperto.

"Voglio fare degli esempi di domande reali che gli esportatori pongono. Di regola, un produttore che produce un determinato prodotto è interessato alle seguenti domande specifiche a cui il laboratorio deve rispondere. La prima è: "Io produco, un prodotto specifico. Cosa devo fare?". Questo è uno dei problemi - il produttore non sa cosa deve essere testato secondo i requisiti di altri paesi e secondo quali standard", condivide un rappresentante del MIIS.

Inoltre, l'azienda è sempre interessata al costo dei servizi di laboratorio. E in questo caso, il produttore vuole sapere un prezzo chiaro e fisso che non aumenterà nel processo, continua.

Inoltre, le aziende chiedono sempre perché i servizi sono così costosi e quanto durerà la procedura di test. "Tutti i produttori fanno i test all'ultimo minuto, quando il prodotto è già alla frontiera e hanno improvvisamente appreso che hanno bisogno di una certificazione. Il laboratorio deve capire questo ed essere in grado di regolare un tale flusso", ha chiarito.

Allo stesso tempo, gli esportatori chiedono cosa succederà se non saranno in grado di superare i test. Inoltre, i rappresentanti delle aziende spesso non conoscono i requisiti specifici e chiedono di fare per loro per analogia con i loro concorrenti.

COS'ALTRO DEVE ESSERE CONSIDERATO?

Ogni laboratorio deve identificare il suo gruppo target e la sua nicchia per costruire un'operazione efficace, ha detto Kodykov.

"Per esempio, si possono condurre gli stessi test per diverse categorie di prodotti. Oppure, al contrario, sarete un laboratorio che testa tutto. Ci sono più di 4.000 laboratori diversi in Europa - ci sono laboratori molto specializzati, ci sono laboratori molto grandi. E tutti hanno del lavoro da fare", ha notato.

Oltre a capire accuratamente il tuo pubblico, dovresti anche prestare attenzione allo sviluppo del servizio, dice l'esperto.

"Aiutare a capire il produttore con quali standard sono necessari, inviare a società di consulenza, essere in buona cooperazione. Siate adeguati nel modellare il costo dei test. Attenersi alle scadenze concordate. In questo paese si dice che non sempre si rispettano le scadenze. Fornite un servizio aggiuntivo con la logistica dei campioni. Questo può distinguervi dalla concorrenza. Aumentare la competenza degli specialisti, per esempio in termini di lingue. Non è più necessario solo l'inglese", ha detto Kodykov, aggiungendo che i laboratori dovrebbero essere presenti anche nello spazio informativo ed essere aperti ai miglioramenti.

"Secondo me, la Russia ha solo ora un'opportunità nascente per entrare nel mercato internazionale e mostrare a tutti che i nostri GOST sono eccellenti e i nostri laboratori non sono peggiori di quelli di altri paesi. Possiamo conquistare questa nicchia e condurre test per confermare la qualità dei nostri prodotti e aiutare i nostri esportatori", ha concluso Kodykov.

Made in Russia // Made in Russia

Autore: Ksenia Gustova

0