FATTO IN RUSSIA

Tutte le regioni
ITA
Notizie principali

Il farmaco per il coronavirus KOVID-Globulin di Rostec ha superato i test clinici

Il farmaco per il coronavirus KOVID-Globulin di Rostec ha superato i test clinici

Il Ministero della salute della Federazione Russa ha rilasciato un certificato di registrazione basato sui risultati della ricerca per lo sviluppo della holding Natsimbio (appartiene a Rostec) - il farmaco KOVID-globulina. Questo è stato riferito dalla società statale.

Il farmaco è basato sul plasma sanguigno di persone che hanno già avuto COVID-19 e contiene anticorpi al coronavirus. Il suo uso aiuta il corpo a combattere l'infezione ed evitare gravi malattie.

Il servizio stampa ha detto che i risultati di uno studio comparativo in doppio cieco controllato con placebo hanno mostrato che sette pazienti su dieci che hanno preso il farmaco in terapia combinata hanno avuto un rischio ridotto di progressione della malattia verso una forma più grave. La globulina COVID è stata più efficace quando utilizzata nelle prime fasi della malattia.

Nel 70% dei casi, il trattamento ha impedito lo sviluppo di complicazioni, come la tempesta di citochine, l'insufficienza renale, le complicazioni tromboemboliche, lo sviluppo della sindrome da distress respiratorio acuto, l'aumento del grado di danno polmonare e il peggioramento della sintomatologia clinica.

"Il primo farmaco al mondo di immunoglobulina specifica anti-covalente ha superato con successo le due fasi finali dei test clinici, dimostrando la sua sicurezza ed efficacia", ha detto Sergey Chemezov, direttore generale della società statale.

Lo sviluppo, ha detto, amplierà significativamente le capacità dei medici in Russia nella lotta contro il coronavirus. "Ora hanno entrambe le possibili forme di immunizzazione contro il coronavirus nel loro arsenale: attivo - un vaccino e passivo - immunoglobulina", ha aggiunto.

Il principio di azione del farmaco si basa sulla proprietà degli anticorpi di neutralizzare gli attuali ceppi circolanti di coronavirus. Gli anticorpi si legano alla proteina sulla superficie del virus e non gli permettono di penetrare nelle cellule, bloccando così la sua diffusione nel corpo.

Il direttore generale di Natsimbio Andrei Zagorski ha spiegato che solo il plasma dei donatori con alti titoli anticorpali viene utilizzato per la produzione. Il farmaco è caratterizzato da un alto grado di purificazione e sicurezza virale, e una maggiore concentrazione di anticorpi rispetto alla materia prima originale.

Made in Russia // Made in Russia

Autore: Ksenia Gustova

0