FATTO IN RUSSIA

Tutte le regioni
ITA
Notizie aziendali

AgroKhimProm ha chiamato la raccomandazione del Ministero dell'Industria e del Commercio di non esportare fertilizzanti forzati

AgroKhimProm ha chiamato la raccomandazione del Ministero dell'Industria e del Commercio di non esportare fertilizzanti forzati

La sospensione delle esportazioni di fertilizzanti russi come raccomandato dal ministero russo dell'Industria e del Commercio colpirà i profitti dei produttori, ma questa misura è ora forzata e necessaria. Dopo che la situazione si sarà stabilizzata, le forniture riprenderanno, ma potrebbero essere reindirizzate verso altri mercati, ha detto Alexander Tainov, direttore generale dell'associazione scientifica e produttiva AgroKhimProm.

Il 4 marzo, l'agenzia ha raccomandato ai produttori nazionali di sospendere la fornitura di fertilizzanti all'estero fino alla stabilizzazione della situazione.

Secondo il rappresentante di AgroKhimProm, tale misura non può non influire sui profitti dei fornitori, soprattutto quelli le cui attività di esportazione rappresentavano una grande percentuale delle vendite totali o erano condotte con i paesi che al momento sono effettivamente tagliati fuori dalla Russia.

"Nell'ambiente attuale, una tale misura, secondo noi, è necessaria. A causa del ritiro dei grandi produttori stranieri di prodotti fitosanitari e agrochimici dal mercato russo, una carenza di questi prodotti si presenterà logicamente sul mercato russo", ha detto Tainov in una conversazione con la redazione di Made in Russia.

Sullo sfondo di un crescente isolamento, è importante che gli agrari nazionali ottengano tutto ciò di cui hanno bisogno per un lavoro di campo di successo e alla fine siano in grado di fornire al paese le forniture alimentari necessarie, ritiene l'esperto.

"Pertanto, una certa limitazione delle esportazioni è una misura forzata, ma opportuna. In futuro, quando la situazione si stabilizzerà, l'attività di esportazione dovrebbe tornare prontamente al suo corso abituale, cambiando, forse, il vettore geografico della sua attenzione", ha aggiunto il rappresentante della società.

Ora, secondo i suoi dati, non solo la domanda di farmaci nazionali per la produzione di colture sta aumentando, ma anche l'importanza dei farmaci che aiutano gli agricoltori a risparmiare denaro. Stiamo parlando, per esempio, di regolatori di crescita, elicitori, preparati per migliorare la qualità delle miscele di carri armati o agenti super umettanti.

"Pertanto, da parte nostra, faremo tutto il possibile per fornire la riserva necessaria dei nostri prodotti SCS.technology e "Upgrade" per il mercato interno. Allo stesso modo, in questa stagione costruiremo il lavoro sulle vendite di pesticidi tradizionali. Speriamo che in questo modo aiuteremo l'agricoltura russa a sopravvivere in condizioni difficili per il paese", - ha detto.

Secondo il signor Tainov, la raccomandazione del Ministero dell'Industria e del Commercio non ha quasi toccato l'azienda, perché AgroKhimProm esporta regolatori di crescita, fungicidi, preparati speciali per miscele di serbatoi e altri prodotti, non fertilizzanti stessi.

Leggi le ultime notizie sul nostro canale Telegram.

Made in Russia // Made in Russia

Autore: Ksenia Gustova

Aziende e marchi

0