FATTO IN RUSSIA

Tutte le regioni
ITA
Esperti

Gioiellieri in cerca di un compromesso: le piccole imprese indignate per l'abolizione dei regimi fiscali speciali

Gioiellieri in cerca di un compromesso: le piccole imprese indignate per l'abolizione dei regimi fiscali speciali

La cancellazione dei regimi fiscali speciali - il sistema fiscale semplificato (STS) e il sistema di tassazione dei brevetti - per l'industria dei gioielli ha lo scopo di ridurre l'evasione fiscale da parte delle piccole imprese e impedire la produzione di gioielli da barre da investimento, ha spiegato il servizio stampa del Ministero dell'Industria e del Commercio alla redazione di Made in Russia.

In precedenza, la legge è stata modificata per cancellare una tassa del 20% sull'acquisto di oro da investimento per i russi. Oltre a questo, le società e gli imprenditori individuali che producono o vendono gioielli all'ingrosso o al dettaglio, sono stati privati del diritto di utilizzare regimi fiscali speciali a partire dal 1° gennaio 2023. La comunità di imprenditori e fondatori di marchi di gioielli di piccole e medie imprese sono stati indignati dalla decisione per il timore che il mercato sarebbe stato monopolizzato dai grandi giocatori.

"La logica dietro questi cambiamenti è quella di trasferire i gioiellieri a un sistema generale di tassazione pagando l'IVA sia sulla produzione che sulle vendite. Il fatto è che ci sono stati registrati casi in cui efficaci regimi fiscali speciali per l'industria dei gioielli hanno portato alla deliberata "scissione" dei grandi produttori in piccole aziende per evitare le tasse", - ha spiegato il ministero.

Inoltre, hanno osservato, l'iniziativa era volta a prevenire l'uso di barre di investimento acquistate senza il pagamento dell'IVA nella fabbricazione di gioielli.

"È importante che l'attuale versione degli emendamenti riguardanti i gioiellieri non entrerà in vigore fino al 2023, mentre il ministero delle Finanze russo sta già lavorando sugli emendamenti al codice fiscale per sostenere e sviluppare la produzione di gioielli su piccola scala", ha notato il ministero.

I produttori di gioielli possono anche ricevere un sostegno attraverso il Ministero dell'Industria e del Commercio - il Fondo di sviluppo dell'industria.

Sono concessi prestiti preferenziali nell'ambito del programma "Progetti di sviluppo" e "Componenti". I prestiti sono dati per un importo da 50 a 500 milioni di rubli per 5 anni. Il tasso d'interesse è dell'1% per i primi tre anni, e fino al 3% per i due anni successivi. Se l'attrezzatura russa ammonta ad almeno il 50% dell'importo del prestito, il tasso sarà dell'1% per tutto il periodo, ha ricordato il dipartimento.

PROPOSTE DELL'INDUSTRIA

Le discussioni su questa legge sono iniziate nel 2018, ha detto alla redazione di "Made in Russia" Eduard Utkin, direttore generale dell'associazione "Gilda dei gioiellieri della Russia". Già a quel tempo le autorità hanno espresso il timore che a causa dell'abolizione dell'IVA sull'acquisto di lingotti sarebbero stati utilizzati per fare gioielli, senza pagare l'IVA sulla loro vendita. Pertanto, il Servizio delle imposte ha chiesto di risolvere la questione dei regimi fiscali speciali - di cancellarli.

L'Associazione ha suggerito come soluzione di compromesso di introdurre l'IVA su tutto il metallo, compresi gli acquisti presso i banchi di pegno e i banchi di pegno.

"Tutti erano d'accordo, tranne le piccole imprese. Non siamo riusciti a raggiungere un accordo, quindi non abbiamo potuto presentare una posizione consolidata e portarla alle autorità. Ora, quando c'era una situazione di emergenza, la legge è stata approvata così com'era", ha detto Utkin.

Un'altra sfumatura dopo l'adozione degli emendamenti è che il sistema di tassazione generale richiede anche un contabile, altrimenti aumenta il rischio di affrontare richieste da parte delle autorità fiscali, ha spiegato. Inoltre, secondo la nuova legge non solo il metallo sarà tassato, ma anche il lavoro stesso e le pietre, ha detto il direttore generale dell'associazione.

"Le piccole imprese nei negoziati hanno proceduto dalla posizione che tutto dovrebbe rimanere come prima. Ma non funziona così. Credo che qui le piccole imprese dovrebbero essere d'accordo: è meglio pagare l'IVA che perdere la possibilità di lavorare nel settore. Altrimenti non solo il metallo sarà tassato con l'IVA, ma anche il lavoro stesso e le pietre. Se la comunità dei gioiellieri riesce a sviluppare una posizione consolidata, se accettano l'IVA sugli acquisti di metallo, allora le autorità ci incontreranno a metà strada", ha concluso Utkin.

Per le notizie attuali leggete il nostro Canale Telegram.

Made in Russia // Made in Russia

Autori: Karina Kamalova, Ksenia Gustova

0