FATTO IN RUSSIA

Tutte le regioni
ITA
Notizie principali

Agrosila si è dotata di semi di barbabietola da zucchero per la prossima stagione di semina

75
Agrosila si è dotata di semi di barbabietola da zucchero per la prossima stagione di semina

Agrosila Holding si è completamente fornita di semi di barbabietola da zucchero per i lavori di campo primaverili nel 2022, ha informato il servizio stampa della società.

Quest'anno Agrosila prevede di seminare 28 mila ettari e di coltivare 1,34 milioni di tonnellate di barbabietola da zucchero in peso fisico con una resa di 477 centesimi per ettaro. Questo volume assicurerà il pieno carico dello "zucchero Zainsk".

"La produzione di barbabietola da zucchero nella nuova stagione è prevista al livello di 190 mila tonnellate, che soddisferà le esigenze del Tatarstan e del distretto federale del Volga, e venderà parzialmente il prodotto nel paese. Il saldo dello zucchero nei magazzini di "Zainsky zucchero" al 23 marzo fa poco più di 17 mila tonnellate - questo volume è sufficiente per le spedizioni alle catene di vendita al dettaglio e alle imprese sociali", - ha detto Svetlana Barsukova, direttore generale della società.

Parlando dell'aumento del costo dello zucchero, ha sottolineato la necessità di considerare un lungo periodo di variazioni di prezzo a causa della specifica volatilità del mercato.

"Le tendenze del mercato dello zucchero si ripetono ogni 3-4 anni. Dal 2018 al 2021 il costo dello zucchero è salito del 22%, dal 2018 al marzo 2022 è salito del 34%, convenzionalmente in questo periodo di tempo il tasso è vicino ai processi inflazionistici nella Federazione Russa. Da dicembre 2021 a marzo di quest'anno, l'aumento dei prezzi è stato del 15%, che è associato a prezzi più elevati per tutti i componenti del processo di produzione: imballaggio, pezzi di ricambio, la necessità di prepararsi per la nuova stagione, l'acquisto di semi", ha aggiunto Barsukova.

Oggi Agrosila utilizza attrezzature di lavorazione e macchinari agricoli importati. L'azienda collabora con i principali fornitori della Germania, dell'Italia e degli Stati Uniti.

"Ora troviamo un linguaggio comune con i partner, certamente c'è un aumento del prezzo, sia legato al tasso di cambio che ai percorsi logistici. Stiamo vedendo un aumento dei prezzi delle materie prime e degli imballaggi per alcune delle nostre aziende fino al 52%. Naturalmente, questo influisce sul costo di produzione, ma siamo costantemente alla ricerca di modi per ottimizzare. Stiamo lavorando attivamente per trovare analoghi, per esempio, abbiamo alcune scorte di imballaggi, ma abbiamo già firmato un contratto con un nuovo fornitore in Cina e siamo in attesa della prima spedizione", ha concluso Barsukova.

Leggi le notizie attuali nel nostro canale Telegram

0