FATTO IN RUSSIA

Tutte le regioni
ITA
Notizie aziendali

Tariffe e nuovi mercati: Russian Post ha nominato i principali punti di riferimento per gli esportatori

Tariffe e nuovi mercati: Russian Post ha nominato i principali punti di riferimento per gli esportatori

Russian Post aiuterà gli esportatori a sviluppare i mercati in Asia e in Oriente, ha detto Igor Yashin, capo dello sviluppo delle esportazioni presso Russian Post.

Secondo lui, dopo la "tempesta perfetta" dovuta alle nuove restrizioni delle sanzioni, la situazione delle spedizioni all'estero si è stabilizzata.

"Abbiamo superato la "tempesta perfetta". La logistica nelle ultime due settimane è stabile, è iniziata una certa crescita. Abbiamo avuto tale formazione nel 2020 in relazione a covid, quando tutta la logistica è stata ristrutturata, quindi ora siamo su questi binari molto efficacemente e prontamente risolto quasi tutte le questioni. Se parliamo di spedizioni negli Stati Uniti e in Canada, siamo semplicemente passati alle destinazioni di transito, e in Europa siamo stati in grado di passare alla consegna a terra, perché avevamo esperienza nel 2020 e tutti i contratti erano "live". Nel sud-est asiatico e nel Medio Oriente, tutto ha funzionato e funziona ancora", ha detto.

Ora gli esportatori, secondo l'esperto, dovrebbero concentrarsi sulla ricerca di nuove sedi per le loro merci. "Ci sono stati molti nuovi input e cambiamenti, dobbiamo rispondere ad essi. Come raccomandazione, posso notare che abbiamo bisogno di andare in nuovi siti e mercati in Oriente. C'è un pubblico di clienti molto più fedele lì ora, c'è una novità delle merci russe", ha detto, aggiungendo che Russian Post è pronto a sostenere le aziende nella logistica.

In una conversazione con Made in Russia, ha notato che l'organizzazione considera la fornitura di logistica come la sua priorità. "Quando è messa a punto, possiamo andare verso la sua ottimizzazione", ha sottolineato Yashin.

Ha spiegato che Russian Post lavora con lo stato nell'ambito di un programma per sovvenzionare le tariffe di esportazione. "C'è un programma, è stato affinato per i mercati. Lo schema è il seguente: qualsiasi esportatore mette la merce sul mercato russo, quest'ultimo la vende all'estero, l'esportatore ottiene uno sconto sulle tariffe. Ora c'è un processo di negoziazione per avere altre piattaforme al posto dei marketplace. In questa direzione sta andando, è una sovvenzione con lo stato per sviluppare le esportazioni, "- ha condiviso Yashin.

Allo stesso tempo, ha notato che gli esportatori devono anche prendere in considerazione la realtà oggettiva. "Gli aumenti del tasso di cambio, i cambiamenti e le complicazioni nella logistica, le compagnie aeree stanno vivendo la pressione politica e aumentare le tariffe, si ottiene questa pressione sui prezzi. Siamo interessati a contenere le tariffe, non abbiamo alcun obiettivo di aumentare le tariffe e approfittare della situazione attuale", ha detto Yashin.

Inoltre, la compagnia statale è pronta a sostenere gli esportatori in altre aree.

"Abbiamo dei manager che consiglieranno e sosterranno gli esportatori e li informeranno su eventuali sottigliezze e dettagli delle spedizioni con i servizi postali. Ci stiamo muovendo con il REC verso negozi nazionali. C'è già un progetto in Germania chiamato Amazon.de (un negozio nazionale per merci russe, basato sulla filiale tedesca di Amazon), e sta funzionando. Il suo modello di business è che il cliente fornisce la merce e noi facciamo tutte le vendite. Questa è la direzione in cui andremo anche in Oriente. Sono in corso trattative per includerci in queste procedure, perché abbiamo forza di vendita (agenti di vendita - ndr) possiamo attirare i clienti", ha concluso.

Leggi le notizie attuali nel nostro Canale Telegram

Autore: Alexandra ZaslavskayaMadein
Russia // Made in Russia

0