FATTO IN RUSSIA

Tutte le regioni
ITA
Sostituzione delle importazioni

Le piccole imprese dovrebbero essere al centro dei cambiamenti strutturali dell'economia, secondo "Opora Rossii".

Le piccole imprese dovrebbero essere al centro dei cambiamenti strutturali dell'economia, secondo "Opora Rossii".

L'economia russa nel contesto delle restrizioni delle sanzioni ha bisogno di riforme strutturali, che dovrebbero essere in gran parte associate alle piccole e medie imprese, dice il capo di "Opora Rossii" Alexander Kalinin.

"Per molti aspetti sono le PMI che plasmano il livello di attività energetica della società. Abbiamo sempre detto che la struttura della nostra economia è incentrata sulle grandi imprese. Ma l'economia dovrebbe muoversi su due gambe - sono le piccole e le grandi imprese", ha detto.

Kalinin ha ricordato che i nuovi pacchetti di sanzioni prendono di mira il settore finanziario e la lavorazione delle materie prime. "Ed è ora il ruolo e il contributo all'economia delle PMI viene alla ribalta", ha detto.

L'esperto ha sottolineato che secondo gli ultimi dati disponibili, nel 2020 - il contributo delle PMI al PIL del paese è stato del 20,4%, l'occupazione del 30%. Allo stesso tempo, dobbiamo concentrarci sul 40% e 50%, rispettivamente, ritiene Kalinin.

"Ora le cifre non dicono che abbiamo persone inattive, è solo il modo in cui la nostra economia è strutturata. Naturalmente, questo richiede una trasformazione strutturale. Si stanno già prendendo delle misure a pacchetti, alcune di esse sono state discusse per molto tempo", ha sottolineato.

Secondo lui, oggi il business riceve un sostegno senza precedenti da parte dello Stato, ma il lavoro per migliorare il clima imprenditoriale deve continuare. "La legislazione dovrebbe indicare l'inammissibilità della discriminazione contro le piccole imprese, la responsabilità delle autorità di fornire un ambiente favorevole allo sviluppo delle piccole imprese. Un divieto di formalismo e lo sviluppo del principio di "pensare alle piccole imprese" è necessario, così come un nuovo modello di investimento per le piccole imprese", ha detto.

Grandi punti di crescita sono ora proiettati nell'agricoltura e nell'allevamento, ha aggiunto il capo dell'organizzazione. "Ma c'è bisogno di creare una nuova catena di approvvigionamento per le aziende agricole di sussistenza. Oggi non abbiamo agricoltori che non possono far entrare i loro prodotti nelle reti di distribuzione delle materie prime. Dobbiamo tornare alle idee della cooperazione dei consumatori, dei sindacati e utilizzare i prestiti agevolati dello Stato per creare una rete di distribuzione", ha spiegato.

Inoltre, è necessario sostenere le piccole imprese industriali. "Abbiamo solo 300 mila piccole e medie imprese che operano nel settore industriale. Altre 300 mila in costruzione", ha dichiarato Kalinin.

Per le notizie attuali, leggete il nostro canale Telegram

Autore: Alexandra ZaslavskayaMadein
Russia // Made in Russia

0